Home / Aneddoti sull'arte / 1977, lo scandalo di Marina Abramovic e Ulay, trasformati in porte viventi. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

1977, lo scandalo di Marina Abramovic e Ulay, trasformati in porte viventi. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, POCO PIU’ SOTTO NELLA PAGINA, ALLA TUA DESTRA DOVE C’E LA FRASE “SEGUICI SU FACEBOOK”. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Si spogliarono. Si misero nudi sotto la porta d’ingresso principale della Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna. Con la schiena contro lo stipite, si guardavano negli occhi restando a una distanza – obbligata – di poche decine di centimetri. E il pubblico? Doveva scegliere se entrare o andarsene. E se fosse entrato sarebbe stato inevitabile il contatto con i corpi nudi. E scelta l’entrata, come in un gioco, dovevano scegliere se trovarsi incollati e sfiorare il volto a lui o a lei. La performance “Imponderabilia” (1977) entrò immediatamente nelle Memorabilia, le cose da non dimenticare nel campo dell’arte e del costume. Questo lavoro, ormai leggendario, fu compiuto dalla grandissima Marina Abramović e da Ulay. Non è la nudità sfacciata e imperturbabile che cattura l’attenzione dell’osservatore ,ma è la reazione del pubblico alla situazione imponderabile in cui si viene a trovare. Osservando i visitatori che entrano nel museo, diventa subito chiaro che la maggior parte di essi scelgono di affrontare l’Abramovic, suggerendo che il modulo di nudo femminile è meno minaccioso rispetto al nudo maschile. La gente passa comunque in fretta, manifestano sforzo e imbarazzo, e non accenna il un minimo contatto visivo con Abramovic e Ulay. Raramente si guarda alle spalle dopo che è passata. La caratteristica della vulnerabilità che normalmente accompagna la figura nuda è stata trasferita completamente al visitatore vestito, messo in “analisi”.
Furono 350 le persone che transitarono faticosamente sotto questa porta stretta, prima che la polizia fermasse i due autori della performance. La Abramović disse alle forze dell’ordine che lei e Ulay erano “porte viventi”, che trovano molto poetiche: “Se non esistessero artisti, non ci sarebbero musei, quindi siamo porte viventi”. Ma la legge non ama queste cose. E apparve ridicola, come spesso si rivela, con la propria stolidità, Del resto Bologna, in quegli anni, era un centro di primaria importanza nell’ambito del dibattito artistico e politico-rivoluzionario. E non fu un caso che la performance sia avvenuta proprio in quella città

“Chiamammo questo gioco imponderabilia. In un lampo di secondo il visitatore del museo doveva assumere una decisione, forse senza capire il motivo per cui l’aveva presa”. dice Ulay

Marina Abramović (1946) è nata a Belgrado, in Jugoslavia, ed ora vive a New York, Stati Uniti. Ha iniziato il suo lavoro come esecutore di performance nei primi anni ’70 ed è ora considerata la massima artista di questa disciplina artistica. Il suo lavoro esplora la relazione tra l’esecutore e il pubblico, i limiti del corpo e le possibilità della mente. Nel 2017 il suo lavoro è stato oggetto di due importanti retrospettive, al Museo d’arte moderna di Stoccolma e al Louisiana Museum of Modern Art di Humlebæk.

Ulay (Frank Uwe Laysiepen, 1943) è un artista tedesco, che oggi lavora tra Amsterdam e Lubiana, in Slovenia. Ulay ha ricevuto riconoscimenti internazionali per le sue opere di fotografo, soprattutto con la Polaroid, dalla fine del 1960, e poi come artista di performance, campo in cui ha collaborato con Marina Abramović dal 1976 al 1988.  Affronta, dagli esordi,  temi politici, dell’identità e delle identità di genere. Nel 2016 Schirn Kunsthalle a Francoforte, Germania, gli ha tributato la prima grande mostra retrospettiva, “Ulay Life-Sized”.

ARTE EROTICA, opere, foto, statue, oggetti alle aste on line in questo istante

 

V.M. 18 ANNI (contenuti espliciti)
Le letture consigliate:

>Le 3 tecniche per il piacere femminile  dalla penna di Asia Milani. Qui il manuale con le tecniche e i consigli

 

> Il tantra della Vagina. Energia pranica per liberare la sessualità.  Qui il programma completo

> Aumentare la propria virilità in 60 giorni. I rimedi e le tecniche. La guida (ing) la puoi acquistare qui

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Riccardo Mannelli, il contemporaneo respiro dell’eros

Pierre-Auguste Renoir, qui filmato autentico. Così dipingeva vincendo la malattia che gli torceva le mani