Home / 2017 / giugno

Archivi Mensili: giugno 2017

Carezze profonde e preludi erotici nelle grafiche antiche. Le immagini, l’analisi

Con la precisione assoluta dell'arte del primo Ottocento, Achille Devéria, (tavola, qui sopra) non finisce di stupire per la qualità assoluta delle sue immagini e per la scanzonata allegria delle sue scene di sesso. E' per questo che può essere annoverato tra i migliori artisti d'eros di ogni tempo. Egli, in quest'opera, coglie una cenetta intima a base di uccelli, bagnata da ottimi vini. I due protagonisti sono giovani, belli, dal volto pulito e disteso, ma concluso il pasto, eccoli prendere altre direzioni

Leggi Articolo »

C’è un morto nel ritratto. Come riconoscere presenze funebri nei dipinti

La pittura del Cinquecento si misurò con i volti delle persone defunte. Ma per suggerirne la nuova, eterna condizione, distinguendo l’effigie dello scomparso dall’immagine di una persona ritratta in vita, utilizzava un linguaggio simbolico che faceva uso di alberi spezzati, di figure spettrali e di tempeste.Ecco alcuni esempi

Leggi Articolo »

Come vengono rappresentate Fede, Speranza e Carità?

La Fede è posta al centro, con gli attributi del calice e della Croce. Accanto a sè, la Fede reca la Carità - molto spesso rappresentata come una giovane che allatta - e la Speranza, che reca l'attributo di una catena metallica e di un un'ancora, a dimostrazione, da un lato dell'attesa dell'Unione a Dio in un approdo che non lascia il fedele in preda delle onde, ma al tempo stesso - attraverso la catena sollevata - richiama alla necessità di abbandonare ogni vincolo per giungere all'incontro con il Signore

Leggi Articolo »

Semplice e meraviglioso. Come far galleggiare all’esterno le immagini dello smartphoneartphone

L'effetto che otterrete è sorprendente e porterà l'ala della magia tra i vostri amici. I filmati o le immagini dello smartphone, appoggiato a un tavolo, danzeranno nel vuoto, a mezz'aria, senza appoggiarsi a nulla. Sarà un puro divertimento ottico e pure un elemento di meditazione sul comportamento della luce. Ed ecco un ologramma.Bastano un pezzettino di carta normalissima e un altro di plastica trasparente, che si trova in casa, da qualche parte, o che può essere acquistata in un negozio di cartoleria

Leggi Articolo »

Francesco Hayez – Disegni erotici e torride confessioni dell’amante Carolina

Le opere erano conservate a Torino dalla famiglia Zucchi. Realizzati da Francesco Hayez (Venezia, 1791 - Milano,1882) nel decennio compreso tra i suoi trenta e i quarant'anni e donati alla sua giovane modella e amante, Carolina Zucchi, i disegni erotici dell'artista ottocentesco sono di qualità tecnica elevatissima e di un'estrema verità. Realizzati tra il 1822 e il 1830, le opere si contraddistinguono per pochi tratti, sicurissimi di matita nera su carta velina

Leggi Articolo »

La violenza sistemica. Gli arabi e le donne nella pittura orientalista

Lo scontro e il dialogo limitato; le incomprensioni e i travasi culturali. Il rapporto tra Occidente e mondo islamico sembra difficilmente conciliabile. Ma nonostante queste posizioni così distanti rispetto alla concezione della realtà- non possiamo nasconderci questo aspetto, assecondando sempre il "senso di colpa" dell'Occidente - sono culture che si attraggono magneticamente, fino al tentativo di una distruzione reciproca. Attrazioni fatali

Leggi Articolo »

Sapore di sale: bagni di sole, di vento e di piacere nella pittura tra Ottocento e Novecento

Quanto cambia nella pittura tra fine Ottocento e Novecento. E quanto il mondo è cambiato, in direzione di una libertà che rivelerà il suo lato drammatico, in direzione di un piacere di cui non bisogna più vergognarsi. Ciò che appare interessante è la progressiva trasformazione di ninfe e o compagne di Diana, in donne autentiche. L'acqua e la nudità femminile sono sempre state un ossessione per i maschi. Ma ora è declinata in modo nuovo. Quanta luce entra nelle fessure de corpo e quanta sabbia e quanta acqua. a Paul Emile Chabas (1869 – 1937, French) 5

Leggi Articolo »

Ekfrasis – Cosa significa. La rinascita dei quadri-fantasma

La maggior parte delle opere antiche descritte dagli antichi storici romani risultano perdute. Con il fine di recuperarle visivamente,alcuni artisti del Rinascimento, tra i quali Botticelli, applicarono l'ekfrasis, cioè la traduzione delle parole in immagini. Quelle antiche descrizioni permisero di riavvicinarsi ai capolavori perduti, a dipinti fantasma, facendoli rinascere. Nell'articolo, in pdf, un viaggio nella ricostruzione delle opere dei titani dell'antichità, recuperate dai grandi del Rinascimento

Leggi Articolo »