Archivi giornalieri: 20 settembre 2017

Una cena di gala fatata con i 23 proiettori di Pipilotti Rist. Video arte. Il breve filmato

Per la festa annuale Summer Nights Gala della Fondation Beyeler, Pipilotti Rist - Elisabeth Charlotte "Pipilotti" Rist, Grabs 1962 è un'artista svizzera, attiva nel campo della videoarte - ha creato un'installazione intitolata Tender Roundelay, costituita da 23 proiettori caleidoscopici che brillano dal soffitto su 46 tavole rotonde all'interno dello spazio della galleria. Il lavoro ha immerso gli ospiti all'interno di un'installazione video monumentale. L'artista ha montato sapientemente filmati tratti dal suo inesauribile archivio. Gli ospiti hanno cenato sotto queste proiezioni. Il film di quattro ore include motivi di natura, figura umana e sale da pranzo storiche. E' stato programmato per seguire i riti della cena, offrendo ai partecipanti un nuovo mondo di colori e di esperienze sensoriali.

Leggi Articolo »

Ascoltate in 2 minuti il celestiale concerto per bicchieri. La storia di una nobile tecnica

Legato al virtuosismo e alla costante ricerca del nuovo, l'armonica a bicchieri (o glassarmonica) venne elaborata nel XVIIII secolo e utilizzata da nobili dilettanti - come la regina Maria Antonietta, moglie di Luigi XVI - e da grandi musicisti, tra i quali Mozart. In precedenza fu certamente usata, con una semplice disposizione di bicchieri su una tavola, come curiosità sonora nella realizzazione di motivetti popolari. Sotto il profilo tecnico essa è uno strumento musicale idiofono a frizione, che viene composto da bicchieri da vino di diversa grandezza, riempiti d'acqua in quantità che consentano di ottenere vibrazione controllate che si allineano alle note musicali, prodotte dall'esecutore sfregando un dito inumidito sul bordo di ciascuno di essi

Leggi Articolo »

Van Maele (1863-1926), come siamo comici quando scopriamo il sesso. Il filmato delle opere

Attivo tra il 1901 al 1926, ha lavorato principalmente a Bruxelles e a Parigi. Inizia la sua carriera illustrando I primi uomini sulla Luna di H. G. Wells, pubblicato da Félix Juven. L'anno seguente illustra alcune copertine di avventure di Sherlock Holmes, pubblicate dallo stesso editore. Sempre nel 1901, inizia a lavorare per l'editore erotico Charles Carrington, illustrando opere di letteratura sadomaso, ma anche di Anatole France e di Apuleio. a van1

Leggi Articolo »

Wolflì, artista pazzo – Il pedofilo-manicomio divenne un maestro della contemporanea

Genialità e irregolarità formano spesso un binomio indissolubile - tanto è vero che si parla di genio, appunto, e sregolatezza -, ma in questo caso forse si è esagerato. Adolf Wolflì, svizzero (1864-1930), è stato recluso per buona parte della sua vita in manicomio, considerato un pazzo pericoloso, accusato pure di pedofilia.

Leggi Articolo »