Home / 2017 / novembre

Archivi Mensili: novembre 2017

Rodin e Camilla Claudel, travolgente storia d’eros, d’arte, d’amore e follia

Camille Claudel, sorella del poeta, fu allieva, modella e amante di Rodin. Lei voleva sposarlo, lui non voleva lasciare la moglie. Un rapporto forte e sensuale, fatto di carne, di desiderio e di scultura. Lei fu soprattutto un'ottima scultrice, che giunse a influenzare il più celebre compagno. Una vita tormentata e segnata dalla follia.

Leggi Articolo »

Come si producono le sculture di ghiaccio. Le diverse tecniche. Il curioso video

Le sculture di ghiaccio divengono sempre più, nell'ambito di sofisticati ambienti montani, un apprezzato elemento di decoro. Più simile, per certi aspetti ai prodotti di design che ad opere espressive. Che certo non mancano, in altri settori del turismo invernale, specie laddove sia necessario creare un'aura incantata. I supporti tecnici certo non mancano ai Buonarroti del freddo. Ma lo scalpello che creava uno splendido bicchiere nel ghiaccio, nell'ambito della vecchia pubblicità di Brancamenta, è oggi meno usato.

Leggi Articolo »

Lo splendido quadro del pittore che dipinse i gatti più viziati del mondo

La signora Johnson ospitava ben 350 gatti nella sua residenza estiva, circondata da terreni per 3000 acri, a Buena Vista, in California. Lì, i suoi animali domestici erano curati da una truppa di garzoni, appositamente assunti per servire lo stuolo dei felini e soltanto in questa mansione continuamente occupati. Ogni gatto aveva un nome e veniva addestrato a muoversi in direzione di chi lo chiamava. Allegri pappagalli e cacatua avevanoil compito di tenere allegra la combriccola

Leggi Articolo »

Vanessa Beecroft, donne dai corpi tiepidi e pulsanti. E statue. Flusso vitale agli Uffizi. Breve video

Vanessa Beecroft, artista italiana nonostante il cognome, si è imposta al pubblico mondiale per i lavori con i corpi femminili. Partita da un'analisi quasi ossessiva di sé e del rapporto con il cibo, passata poi ad analizzare la parte corporea in rapporto a quella culturale-spirituale, Beecroft ha realizzato splendidi, stranianti allestimenti con modelle, in buona parte nude, che irrompevano in spazi in cui la nudità è imprevista; anche se le sue modelle si comportavano, secondo la regia dell'artista, come opere d'arte. Suggestiva è la performance di un gruppo di ragazze, in parte velate, in parte nude, agli Uffizi, tra statue di marmo, alle quali ridonano il respiro della vita

Leggi Articolo »

Divano, sofà, ottomana o canapé. Sono cose diverse? Cosa significano i loro nomi?

Una curiosità linguistica. Gli italiani preferiscono chiamare divano il mobile dotato di più sedute. Nell'Ottocento e nel primo Novecento era diffuso, da noi, anche il nome ottomana, che si riferiva ai grandi spazi di seduta con cuscini presenti nei palazzi medio-orientali - ottomani, quindi turchi -  e negli harem. Gli inglesi hanno la preferenza per il termine sofà o, in una terminologia più casalinga, couch. Anche se nel dizionario inglese appare, il sostantivo divan viene utilizzato raramente. Anche per i francesi esso è un sofà - il termine più utilizzato, presente prima nel lessico francese e adottato dagli inglesi - o un canapé. Sofà deriva da suffa, che in arabo significa cuscino. Ciò significa che il modello originario a cui l'Europa si ispirò per realizzare divani furono le sedute con tanti cuscini e materassi della tradizione araba. Divano deriva invece dal turco divan - consiglio di stato - e dal persiano dīwān, che significava sia ufficio che sedile. Canapé è un sostantivo francese entrato nel dizionario transalpino dal Seicento e deriverebbe dal latino volgare canapeum, corruzione del termine classico conopeum, a sua volta derivante dal greco kōnōpeîon ‘zanzariera’. Ma è probabile che nel  XVII secolo, sviluppando il concetto antico di letto con zanzariera,  ci si riferisse contemporaneamente alla stoffa di canapa.

Leggi Articolo »

La moneta da 2 euro che ora vale 6000 euro. Perché? Le risposte nell’articolo

E ora spieghiamo brevemente la storia di questi due euro che hanno un valore stratosferico. Per quanto accomunati dalla cultura, noi europei non abbiamo basi solide di unità politica. Ed è anche per questo che la comunità europea sembra più un tavolo di gioco tra avversari che un punto in cui si cercano soluzioni che avvantaggino il gruppo. Un brivido lungo attraversa la schiena, appena ci guardiamo un po' indietro. E' capitato ai francesi che si sono trovati al cospetto dei due euro belgi che celebravano la vittoria di Waterloo. Come ben sappiamo, in quel luogo, si consumò la disfatta dell'esercito francese e il crollo di Napoleone. Quindi quella moneta, celebrando la vittoria di una parte dell'Europa su un'altra non era politicamente corretta. E... Tutto nel filmato

Leggi Articolo »

Nuovo design giapponese. Splendidi mobili per il gatto. Il video

Il recupero di un grande amore per gli animali, porta spesso a simpatici eccessi, che divertono molto gli amici donne-uomini degli animali stessi. Le bestiole ci riempiono di affetto e ci riportano a un luogo di pace tutto infantile, nel quale possiamo recuperare le energie che ci sono state sottratte dal rapporti interpersonali improntati alla conflittualità. Qualcosa certo c'è da fare per mutare gli orizzonti malati della quotidianità. Qualche valore di condivisione e di umana fraternità deve tornare a creare la fluidità che funziona prima sotto il profilo del sentimento condiviso del tempo e che si trasfonde poi all'economia virtuosa. divertiamoci, intanto, con cani e gatti. E facciamo un sorriso per i nuovi super-arredamenti di design per micetti, che giungono dal Giappone

Leggi Articolo »

I segreti carnali della Piccola ballerina quattordicenne di Degas. Il rapporto con il pittore

I quattordici anni erano il periodo più difficile per una adolescente e, soprattutto, per una ballerina. Accanto alla perdita del respiro dell'infanzia e al caos della pubertà, la giovanissima Marie doveva affrontare una porta sempre più stretta che avrebbe potuto portare all'Opera. Ma non ci volevano distrazioni, così frequenti, invece, negli allettamenti o nel male conclamato, nel suo ambiente d'origine. Degas coglie così una giovanissima nel momento del tormento. Il tutù, i veli, gli abiti da palco sognanti non nascondono la paura, il disagio, il dolore o il distacco di Marie all'apparir del vero. E quant'egli contribuì chiamandola a fare la modella o, forse, trasformandola in una piccola amante, a distoglierla dal progetto?

Leggi Articolo »

Thomas Rowlandson (1756 –1827). I vizi dell’uomo e della donna. Bacco, tabacco…

Con un'ironia tutta inglese Thomas Rowlandson (Londra, 1756–1827) fu uno straordinario disegnatore, anche di intense e divertenti tavole erotiche, nonchè un abile caricaturista. Senza eccessi di moralismo, ma dimostrando una netta accondiscendenza ai peccati veniali del sesso, l'artista offrì pure impianti allegorici di ottima fattura e ben orchestrati, sotto il profilo semantico, che non poco dovettero divertire i gentiluomini a lui contemporanei. Splendida operetta, questa Allegoria dei vizi, mostra un vecchio con giubba da reduce che, fumando la pipa e tenendo un bicchiere in mano penetra dolcemente, more ferarum, una gioconda signorina il cui volto non è attraversato dal peccato

Leggi Articolo »