Home / 2017 / dicembre / 25

Archivi giornalieri: 25 dicembre 2017

Jingle Bells – Lo sai che è nata come canzone erotica in osteria? La traduzione. La chiave massonica

Jingle Bells, una delle canzoni natalizie più conosciute e cantate al mondo, in realtà non era originariamente un canto di Natale, ma una composizione sull'inverno, con doppi sensi erotici, dedicata alle gioie di un uomo e di una donna su una slitta trainata da un cavallo. La parola Natale non appare mai nel testo.  Il canto fu scritto da un compositore americano minore, James Lord Pierpoint (Boston, 1822 – Winter Haven, 1893) e pubblicata nell'autunno 1857 con il titolo One Horse Open Sleigh. Nel corso degli anni, Jingle Bells ha assunto una pura connotazione natalizia - poichè è stata idealmente collegata alla carrozza di babbo Natale, che risuona di campanellini - ed è stata cantata e registrata da numerosi artisti tra cui Louis Armstrong, i Beatles, Frank Sinatra, Luciano Pavarotti e altri cantanti e band che hanno creato numerose versioni alternative. L'autore, semi-sconosciuto, si rivela grandissimo poichè prepara un testo mutevole sul ritmo della cavalcata. Un testo in grado di essere grandemente puro - al punto da essere adottato quasi fosse una carola natalizia - e al tempo stesso vitalisticamente erotico

Leggi Articolo »

La potenza della luce sulle tenebre. Il Vangelo di Giovanni irradia le tele

Questa immagine rievoca la locuzione presente nel Credo: "Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre". Il Bambino che nasce a Betlemme è Egli stesso divinità, lumen de lumine, gloria del Padre. La luce è venuta nel mondo, come proclama il Vangelo di Giovanni (Gv 3,19), ed è questa l'idea fondamentale che il pittore pone al centro della realizzazione fisica-semantica di un dipinto assolutamente unico il quale esprime al più alto grado tale Verità

Leggi Articolo »

Una scultura che suona. E sentite che meraviglia. Sembra la musica di Babbo Natale

Una musica ritmica, magica, che sembra riprodurre i suoni che uniscono il mondo sublunare a quello spirituale, attraverso un ritmo di danza e il canto di diversi strumenti di cui riproduce il suono. E' la Marble Machine, una serinette, cioè una variante di un piccolo organo chiuso in una scatola e azionato attraverso una manovella. La Marble machini è stato realizzato da Wintergatan, un gruppo musicale folktronica svedese di Göteborg. Due membri, Martin Molin e Marcus Sjöberg, facevano precedentemente parte del trio elettro folk Detektivbyrån. Un gruppo formato polistrumentisti, che esegue i brani con diversi strumenti musicali, molti dei quali rari o autocostruiti.

Leggi Articolo »

Meraviglioso. La neve nella storia del cinema. Romantica, drammatica. Il video

Il paesaggio trasfigurato, le percezioni sensoriali mutate, il freddo degli esterni, il caldo degli interni; i suoni d'ovatta; il desiderio di abbracciarsi forte, sotto un piumone, occupando, con i nostri corpi, ogni angolo del mondo. La neve ha destato stupore in ogni epoca; ma ci furono tempi in cui, era vista come una sorta di dannazione del cielo. Per le culture dominanti era uno splendido diversivo. Per i lavoratori o i soldati un imprevisto negativo. Le prime immagini intense della gioia della neve vengono direttamente da Brueghel, dal Cinquecento, e dai fiamminghi. Ricordate tutti? I cacciatori che tornano al paese, il maiale della trattoria, i merli e gli uccelli in volo, adulti e bambini che giocano gioiosamente su una spianata di ghiaccio, indossando i pattini. Quella di Brueghel è certamente un'allegoria stagionale, quella dell'inverno, ma il pittore non si lasciò sfuggire il lato ludico e festoso della bianca coltre. Per i poeti petrarcheschi, il candore della neve era quello della donna amata e della sua pelle. Come Bianca neve... Biancaneve. Tutta la poesia o il tormento dei fiocchi, dei campi grigio-azzurri. Il vento tormentoso o la gioia di scoprirsi in due, isolati dalla realtà

Leggi Articolo »

Simon Beck lo scultore di cristalli di neve

Cerchi nel grano? Alieni in arrivo? Linee geometriche praticamente incomprensibili e indistinguibili da distanza ravvicinata, ma che assumono tutt'altra consistenza e ordine se viste dall'alto. Possiamo fin da subito escludere i Grigi abitanti dello spazio assoluto. Autore di queste creazioni, figlie di precisione, preparazione e passione, Simon Beck con la sua "Snow art".

Leggi Articolo »