Home / News / 5 cose che forse non sapevi su Degas
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

3646-077.jpg
Edgar Degas
Rehearsal in the Studio, c. 1878-1879
egg tempera on canvas
44.45 58.42 cm (17 1/2 23 in.)
framed: 67.95 83.34 6.67 cm (26 3/4 32 13/16 2 5/8 in.)
Collection of Shelburne Museum. Gift of Electra Webb Bostwick
(C) Shelburne Museum, Shelburne, Vermont
3646-077.jpg Edgar Degas Rehearsal in the Studio, c. 1878-1879 egg tempera on canvas 44.45 58.42 cm (17 1/2 23 in.) framed: 67.95 83.34 6.67 cm (26 3/4 32 13/16 2 5/8 in.) Collection of Shelburne Museum. Gift of Electra Webb Bostwick (C) Shelburne Museum, Shelburne, Vermont

5 cose che forse non sapevi su Degas


Testa la tua preparazione e conoscenza del mondo dell’arte. Qui trovi gli aspetti più particolari della vita dei grandi pittori.

Oggi parliamo di Edgar Germain Hilaire Degas (Parigi 1834-1917), pittore e scultore francese

 

FORSE NON SAPEVI CHE:

1 – Degas ha sofferto di problemi agli occhi a partire dal 1860. Un disturbo non da poco, che ha compromesso progressivamente la visione dei dettagli, dei contrasti e delle ombre. Un difetto che  l’artista francese è riuscito incredibilmente a contrastare e a compensare, come dimostrano gli innumerevoli capolavori prodotti.

2 – Studiò i fondamenti della pittura da un discepolo di Ingres, nel 1853

3 –  “La classe di danza” , dipinto nel 1874, e oggi conservato al  Museè d’Orsay di  Parigi è uno di primi dipinti realizzati dall’artista sul tema del ballo e delle danzatrici.

Edgar Degas - “Lezione di danza” (1874) Museè d’Orsay, Parigi

Edgar Degas – “Lezione di danza” (1874)
Museè d’Orsay, Parigi

4 – Il primo quadro moderno portato a compimento da Degas nel 1862 e’ “La famiglia Bellelli” ed è frutto di un viaggio del pittore a Firenze, e in Italia, dove scoprirà la pittura di Signorelli, Botticelli e Raffaello

5 – Nell’opera “La famiglia Bellelli”, sono raffigurate la  zia dell’artista Laura Degas, il marito Gennaro Bellelli e le due cuginette di Degas nell’appartamento in affitto in piazza Maria Antonia, nel nuovo quartiere del Barbano, l’odierna piazza dell’Indipendenza.

La famiglia Bellelli, 1858-1867

La famiglia Bellelli, 1858-1867

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista