Home / 5 cose da sapere su / 5 cose da sapere su Perugino
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Perugino, Viaggio di Mosè in Egitto, 1482 circa, affresco, 350×572 cm, Cappella Sistina, Città del Vaticano
Perugino, Viaggio di Mosè in Egitto, 1482 circa, affresco, 350×572 cm, Cappella Sistina, Città del Vaticano

5 cose da sapere su Perugino


Perugino, Madonna col Bambino , part, 1501 circa, olio su tavola, 70,2×50 cm, National Gallery, Washington

Perugino, Madonna col Bambino , part, 1501 circa, olio su tavola, 70,2×50 cm, National Gallery, Washington

Ecco le 5 cose da sapere sul Perugino:

1 – Pietro Vannucci, detto il Perugino nacque a Città della Pieve nel 1448 circa. Morì, all’età di 75 anni (1523), di peste, mentre stava lavorando alla Madonna col Bambino nell’oratorio dell’Annunziata a Fontignano, Perugia

2- La sua formazione pittorica deriva dall’influenza di due grandi scuole, quella, indiretta, di Piero della Francesca (che conobbe dallo studio di opere sparse tra Umbria, Marche e Toscana) e del Verrocchio, di cui fu probabilmente allievo.

3 – Affrescò tra il 1480 e il 1482 la parete dell’altare e tre scene delle pareti laterali della Cappella Sistina

4- La sua popolarità crebbe a dismisura, permettendogli di aprire addirittura due botteghe di successo, a Firenze e a Perugia. Fu uno tra i più noti e influenti pittori italiani in quel periodo, se non addirittura il più noto.

Perugino, Consegna delle chiavi, 1481-1482 circa, affresco,335×550 cm, Cappella Sistina, Città del Vaticano

Perugino, Consegna delle chiavi, 1481-1482 circa, affresco, 335×550 cm, Cappella Sistina, Città del Vaticano

5- Le sue opere e lo stile pittorico rinascimentale influenzarono Raffaello Sanzio, al punto da ipotizzare che l’urbinate fosse suo allievo, anche se di questo non esistono prove certe.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista