Home / Aneddoti sull'arte / A un mercatino compra a 15 dollari collana di Calder che ne vale più di 250mila
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

A un mercatino compra a 15 dollari collana di Calder che ne vale più di 250mila

La collana dello scultore Calder, acquistata a un mercatino delle pulci e venduta a 267mila dollari

La collana dello scultore Calder, acquistata a un mercatino delle pulci e venduta a 267mila dollari

Colpo di fortuna per una signora americana di Philadelphia che, al mercatino delle pulci di Brooklin, aveva notato e acquistato una collana che faceva pensare a un design etnico. La signora aveva acquisito l’oggetto a 15 dollari, senza sapere chi ne fosse l’autore. Successivamente aveva visto la fotografia di una collana simile alla sua, sulla copertina di un giornale di Philadelphia. a corredo dell’articolo che annunciava l’apertura di una mostra di gioielli di Calder – il grande artista dell’arte cinetica e delle sculture mobili – nel museo cittadino. Si era quindi messa in contatto con il curatore della mostra, il quale aveva notato immediatamente la qualità dell’oggetto. Da qui era maturata la decisione di portare la collana alla Fondazione Calder di New York, che aveva studiato l’opera, dichiarandola autentica e inserendola nel proprio catalogo. L’oggetto, che era  stimato da Christie’s a un valore compreso tra i 200mila e i 300mila dollari è stato aggiudicato a 267.750 dollari, nel corso dell’asta “First open”. L’opera, realizzata con filo d’argento e cavo metallico, è stata influenzata dai manufatti dell’età del bronzo e dalle sculture africane che Calder (1898-1976) aveva visto nei musei francesi,  ai tempi in cui viveva a Parigi.

NEL VIDEO. ALEXANDER CALDER REALIZZA SCULTURE MOBILI NEL SUO LABORATORIO

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista