Home / Mostre in Italia / A Venezia il Bestiario contemporaneo fra arte e scienza
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Paola Pivi, Senza titolo (Zebre), 2003photographic print, cm 140x171
Paola Pivi, Senza titolo (Zebre), 2003photographic print, cm 140x171

A Venezia il Bestiario contemporaneo fra arte e scienza

Prosegue a Venezia fino al 24 ottobre presso il Museo di Storia Naturale la spettacolare mostra “Bestiario contemporaneo. Fra arte e scienze, artisti italiani dalla collezione ACACIA” a cura di Gemma De Angelis Testa e Giorgio Verzotti, con la direzione scientifica di Gabriella Belli.

La rassegna rientra nell’ambito del programma Muve Contemporaneo – che la Fondazione Musei Civici di Venezia ha programmato in occasione della Biennale Internazionale d’Arte 2013 – in collaborazione con l’Associazione ACACIA.

In esposizione, circa trenta lavori di 15 artisti contemporanei italiani istituiscono un dialogo fra la collezione permanente di reperti di scienze naturali e le opere d’arte attuali, realizzate con diversi linguaggi: pittura, scultura, fotografia, video ed installazioni.

 

 

Percorrendo le sale del museo si procede verso un continuo confronto tra passato e presente, il cui accostamento genera interesse e meraviglia.

 

Gli artisti in mostra: Mario Airò, Rosa Barba, Vanessa Beecroft, Gianni Caravaggio, Maurizio Cattelan, Roberto Cuoghi, Lara Favaretto, Francesco Gennari, Sabrina Mezzaqui, Marzia Migliora, Adrian Paci, Paola Pivi, Luca Trevisani, Nico Vascellari e Francesco Vezzoli, sono accomunati dall’amore e dalla curiosità per la natura e dei suoi processi, in una tensione che conduce alla riflessione, alla provocazione, all’ironia.

Di forte impatto è l’opera di Vanessa Beecroft White madonna with twins, una Madre Natura che nutre e protegge i suoi figli al di là delle differenze del colore della pelle, della collocazione geografica e delle origini culturali o religiose, dove è evidente il richiamo alla forza generatrice della maternità e dell’origine africana della specie umana. Altre immagini fotografiche si scorgono nelle sale fra cui quelle di Adrian Paci e di Paola Pivi: lo scatto di Paci ritrae il cammino parallelo delle gambe nude di una donna e di un cavallo, a simboleggiare l’indagine del rapporto tra arte e natura; una metafora della cultura, che spogliata di qualsiasi artificio, ritorna alla purezza incontaminata del mondo naturale. Paola Pivi propone invece un’immagine dalla forte carica ironica attraverso l’accostamento irrazionale di latitudini e habitat: due zebre sono state portate su una montagna innevata, fotografate ed esposte nella Galleria dei Cetacei, creando così un senso di disorientamento.

Tra le altre, suggestiva l’installazione di Maurizio Cattelan Love saves lifes (I musicanti di Brema), che ben si integra nella Collezione De Reali, dove s’incontrano animali impagliati: l’opera allude a un atto di rivolta, alla possibilità di salvezza grazie all’amore.

 

Bestiario contemporaneo. Fra arte e scienze, artisti italiani dalla collezione ACACIA

a cura di Gemma De Angelis Testa e Giorgio Verzotti
Museo di Storia Naturale, Venezia
fino al 24 Ottobre 2013

Orario
10.00 – 18.00 (biglietteria 10.00 – 17.00)
chiuso il lunedì

BIGLIETTI
Intero: 8 €
Ridotto: 5,50 €

INFORMAZIONI
nat.mus.ve@fmcvenezia.it
info@fmcvenezia.it
call center 848082000
(dall’Italia)
+3904142730892 (dall’estero)

 

x

Ti potrebbe interessare

crocifisso di cividale

Il Crocifisso di Cividale. Da dove viene l’immagine di quel gigante buono?

Moses Levy: Spiaggia e figure a Viareggio, 1921

Moses Levy, le spiagge magiche e fatate degli anni Venti