Home / News / Al Palazzo Reale di Genova, capolavori in mostra: da Bernardo Strozzi ad Angelika Kauffmann
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

ape strozzi

Al Palazzo Reale di Genova, capolavori in mostra: da Bernardo Strozzi ad Angelika Kauffmann

La mostra allestita nella Sala delle Udienze, fino al 1 giugno 2014, presenta al pubblico undici capolavori della Galleria Sabauda,  tra cui dipinti di Bernardo Strozzi, Antoon Van Dyck, il Tintoretto, trasferiti negli anni trenta e quaranta dell’Ottocento da Genova a Torino.

 Si tratta di una scelta di undici titoli tra i capolavori      presenti nel riallestimento della Galleria Sabauda nella nuova sede della Manica Nuova di Palazzo Reale di Torino e attualmente in deposito temporaneo presso la Cavallerizza del Castello di Moncalieri, in attesa della conclusione dei lavori prevista nel corso del 2014.
ape capolavori pal genova



La mostra è promossa e organizzata dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria e della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria, in collaborazione con la Direzione Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte e la Galleria Sabauda.
Capolavori della Galleria Sabauda nel Palazzo Reale di Genova. Da Bernardo Strozzi ad Angelika Kauffmann
fino al 1 giugno 2014
Genova, Museo di Palazzo Reale di Genova, Sala delle UdienzeCosto del biglietto: 4,00 euro ridotto 2,00 euro
Prenotazione: Facoltativa
Orario: martedì e mercoledì: 9.00 – 13.30 da giovedì a domenica: 9.00 – 19.00 (a febbraio: domenica dalle 13.30 alle 19.00)
Telefono: 010 2710236/286
Sito web: http://www.palazzorealegenova.it
x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti