Home / Scultura contemporanea / Alexandros Yiorkadjis. L’armonia e il contrasto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Alexandros Yiorkadjis. L’armonia e il contrasto

Y

  • PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento, unico museo civico in Italia interamente dedicato alla scultura, ospita dal 13 aprile al 25 maggio 2014, la mostra

“Alexandros Yiorkadjis. L’armonia e il contrasto”.

Dopo il successo di critica e di pubblico ottenuto dalla personale dell’irriverente scultrice Fatima Messana, appena conclusasi al Cassero, Alexandros Yiorkadjis è il protagonista del secondo di 3 eventi espositivi dedicati ad altrettanti giovani e apprezzati scultori nell’ambito del progetto “Sculpture Relay…al Cassero!”, realizzato dal Comune di Montevarchi, Assessorato alla Cultura, curato dal direttore scientifico de “Il Cassero” Alfonso Panzetta e finanziato insieme alla Regione Toscana nell’ambito di “Toscanaincontemporanea 2013”.

Il 33 enne Alexandros Yiorkadjis è un emergente scultore cipriota formatosi all’Accademia di Belle Arti di Bologna, vincitore del Premio Nazionale delle Arti del 2007-2008 per la Sezione Scultura e definito dagli “addetti ai lavori” come uno dei giovani più interessanti nel panorama dell’arte attuale. Ha al suo attivo diverse partecipazioni a mostre collettive in Francia, Italia, Grecia ed alcune importanti personali a Monaco di Baviera e a Nicosia.

“Alexandros Yiorkadjis è uno scultore di forte impatto e un potentissimo modellatore- spiega Alfonso Panzetta direttore scientifico del Cassero per la Scultura- Le sue tematiche no global sono inserite in una visione armonica del mondo rispettosa della natura, quasi di radice panteistica. Un inventore d’immagini nelle quali riesce a fissare il movimento dell’uomo e il divenire dei sentimenti e dei moti dell’animo”.

Le opere presentate in mostra, realizzate tra il 2008 e il 2014, costituiscono un vero itinerario spirituale verso la consapevolezza da parte dell’individuo di se stesso e della dualità “corpo-mente” .
Si inizia con l’istallazione «Human»: (anno 2008, resina poliestere, colle, terra, doratura, h. 180 cm. dimensione ambiente ) l’uomo nasce dalla Terra e ritorna alla Terra, mentre la sua anima si “rigenera”. Una figura maschile, appesa al soffitto, ruota lentamente su se stessa sulle note del remake di una musica gregoriana, mostrando la propria dualità: da un lato, quello convesso, appare come una sagoma coperta di terra mentre dall’altro, quello concavo, mostra un corpo aureo.

In «Dietro le palpebre» (anno 2009, resina acrilica h.87 cm) Alexandros raffigura un busto maschile che ruotando velocente su se stesso, mostra, attraverso volti diversi che si susseguono e si compenetrano, i moti differenti e opposti del proprio temperamento. «Tra l’essere ed essere» (anno 2013, resina acrilica, 163 x 53 x h. 145 cm) è una donna a personificare l’umanità. Un groviglio di braccia, mani e stati d’animo diversi e opposti. L’umanità qui è vista dal dritto e dal rovescio, con movimenti ritmicamente scanditi dall’artista come in un “effetto rallenty” cinematografico ed è posta di fronte al dilemma dell’essere o dell’apparire. Il percorso espositivo termina simbolicamente con «Accettazione» (anno 2014, allumionio h.58 cm) : una figura maschile, quasi di natura divina, un nudo dalle forme lineari, dal volto sereno, con il palmo delle mani aperte e rivolte verso lo spettatore in segno di accoglienza. La scultura è da intendersi come la presa di coscienza di se stessi.

Come sempre, per questi appuntamenti, le opere sono allestite all’interno delle sale permanenti de “Il Cassero” in un dialogo/confronto certamente inatteso e singolare.
Una giovane fotografa, Chiara Francioni dell’“Associazione Fotoamatori F. Mochi”. e i video maker di MACMA, Andrea Foschi, Tommaso Orbi e Fulvia Orifici, in collaborazione con lo Studio di Danza Caroline, hanno riletto e interpretato le opere dello scultore arricchendo il catalogo curato da Alfonso Panzetta con il testo di Federica Tiripelli. La realizzazione del progetto vede poi la partecipazione dell’Associazione “Amici de Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento” come supporto per la capillare comunicazione sul territorio e della Cooperativa Itinera C.E.R.T.A. per la segreteria organizzativa e la didattica.

“ALEXANDROS YIORKADJIS. L’ARMONIA E IL CONTRASTO”
13 aprile – 25 maggio 2014
Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento
Via Trieste, 1 – Montevarchi
Info: Tel +39 055.9108272-4
Giovedì e venerdì: 10-13 e 15-18 Sabato e domenica: 10-13 e 15-19
Primo giovedì del mese: 21.30-23.30

 

NEL VIDEO LE OPERE DI ALEXANDROS YIORKADJIS

http://www.youtube.com/watch?v=8pPZ4D-PBYU

 

Alexandros Yiorkadjis, note biografiche

Alexandros Yiorkadjis giovane scultore cipriota è nato a Nicosia il 27 luglio 1981. La sua formazione è italiana, studia il primo anno all’Accademia di Belle Arti di Perugia e prosegue all’Accademia di Bologna con Davide Rivalta, dove si diploma nel 2011. Nel 2006 partecipa all’esposizione del progetto Erasmus dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, che viene allestita anche a Marsiglia. Vincitore del PNA (Premio Nazionale delle Arti) 2007-2008 nella sezione Scultura. Ha al suo attivo mostre personali tra le quali “Human… Being” tenutasi a Nicosia nel 2013 e collettive in Italia, Francia, Grecia e Repubblica Ceca. Nel 2011 una sua opera è stata selezionata per la mostra dedicata alle Accademie di Belle Arti italiane che si è svolta in parallelo alla 54 Biennale di Venezia. Nella sua produzione artistica prevale la componente emozionale che scaturisce dalle diverse sfumature attraverso le quali viene indagata l’esistenza umana. Le sue sculture e installazioni invitano a riflettere su vari aspetti dell’individuo in rapporto alla condizione sociale attuale, con l’utilizzo di materiali tradizionali come il bronzo e la terracotta, ma anche con l’impiego di quelli più contemporanei come i sintetici e l’alluminio.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

x

Ti potrebbe interessare

stendhal

Sindrome di Stendhal – Perché si soffre della sindrome di Stendhal?

richard long

I nuovi sciamani e la Land art. Richard Long racconta i percorsi verso l’assoluto naturale