Home / News / “ALL YOU NEED IS LOVE. JOHN LENNON ARTISTA” oltre 5 mila visitatori nei primi tre giorni. Prorogata la mostra al 9 novembre
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

“ALL YOU NEED IS LOVE. JOHN LENNON ARTISTA” oltre 5 mila visitatori nei primi tre giorni. Prorogata la mostra al 9 novembre

 

Grande successo di critica e di pubblico per la mostra “All you need is Love. John Lennon artista, attore, performer”, visitata nei tre giorni del festivalfilosofia da oltre 5 mila persone.

Curata da Enzo Gentile, Marco Pierini, Antonio Taormina, promossa e organizzata dalla Galleria civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con il sostegno di Hera Group in collaborazione con Beatlesiani d’Italia Associati rende conto degli esiti del multiforme talento di John Lennon, in questa occasione solo di riflesso considerato nella celeberrima veste di musicista.
In calendario due appuntamenti di approfondimento: sabato 5 ottobre alle 17.00 a Palazzo Santa Margherita con “Dedicated to John Lennon”, incontro condotto da Marco Pierini organizzato in occasione della IX Giornata del Contemporaneo e domenica 20 ottobre alle 17.30, presentazione del numero dieci della rivista “BAU”, contenitore di cultura contemporanea, con una performance dedicata all’ex Beatle.

Mostra: All you need is Love. John Lennon artista, attore, performer

curata da Enzo Gentile, Marco Pierini, Antonio Taormina

Sede: Palazzo Santa Margherita, sala grande, corso Canalgrande 103, Modena

Periodo: 13 settembre-3 novembre 2013

Organizzazione e Produzione
Galleria Civica di Modena Fondazione Cassa di Rispamio di Modena

Orari mercoledì-venerdì 10.00-13.00 e 15.00-18.00; sabato, domenica e festivi 10.30-19.00. Lunedì e martedì chiuso.

Ingresso gratuito

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista