Home / News / All’asta l’anello che Napoleone 17enne regalò al suo primo amore. Nel gioiello la scena di un loro momento felice
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

All’asta l’anello che Napoleone 17enne regalò al suo primo amore. Nel gioiello la scena di un loro momento felice

Un'antica illustrazione che ricorda l'episodio

Un’antica illustrazione che ricorda l’episodio

Un anello d’amore platonico. Un ricordo inscritto nei castoni. E’ il gioiello che un Napoleone 17enne regalò a una 25enne, Caroline du Colombiere, aristocratica soave, dolce e romantica. Ma nonostante il rapporto tra il futuro Napoleone e lei fosse rimasto intenso e inespresso, come le passioni adolescenziali, ancora circondate dal pudore e dalla timidezza, quell’immagine di una giovane donne sorridente e di un albero di ciliegie mature, si riaffaccio nel ricordo dell’ex imperatore, a Sant’Elena. Lo scrisse nelle sue memorie.
a napoleone
E gli riservò l’intensità compensativa che i fatti semplici e deliziosi irradiano nei momenti più orribili della nostra vita. L’anello è il pezzo chiave di un’asta dedicata al periodo Impero, che si terrà il 26 marzo al Chambers Osenat di Fontainebleau. Il pezzo ha una stima compresa tra i 10mila e i 15mila euro.

Ma trattandosi di una reliquia di quello che è considerato il primo amore di Bonaparte, le quotazioni potrebbero aumentare. Il soggetto di questa grisaille che riprende la lavorazione di cammei è la raccolta di frutti in un giardino. La scena è una rievocazione di un momento felice per Napoleone e Carolina, quando sgattaiolarono all’esterno del palazzo di Basseux.
a napoleone

Era uso che i giovani, all’uscita dall’accademia, venissero accolti da famiglie aristocratiche. E cosi accadde al tenentino Bonaparte. Caroline aveva un carattere splendido, gioioso coinvolgente. In campagna, raccolsero ciliegie, e le mangiarono insieme, ridendo, pieni di luce come bambini.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti