Home / News / Anche le dive odiano le istantanee. Ecco il video dei confronti. E i consigli fotografici per essere belle nei clic al sole. Al di là del make-up
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Anche le dive odiano le istantanee. Ecco il video dei confronti. E i consigli fotografici per essere belle nei clic al sole. Al di là del make-up

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

a cruz

Non entrate in una crisi d’ansia se vi trovate orribili nelle foto scattate al mare o comunque in vacanza. Capita a tutti, invariabilmente. Anche alle donne che stanno in cima alla scala delle bellezze universalmente riconosciute come tali. Il servizio video le mostra sotto la sferza implacabile della quotidianità. Ma non è soltanto una questione di make up, quanto di una serie infinita di errori che commettiamo – o che vengono commessi da chi scatta le “istantanee” – con la macchina.

Se osserviamo attentamente il video impietoso, capiremo il perchè. Sono soprattutto le condizioni della luce e dell’istante a isolare momenti invisibili o impercettibili da parte di chi ci sta accanto. Siamo tutti immersi in quel mare di luce disordinata. Tutti contraggono il volto per attenuare la sferza del sole negli occhi.

Luci verticali o laterali producono, nell’immagine isolata, deformazioni del naso, degli occhi, della fronte e della bocca, potenziate dalla reazione difensiva del viso stesso. Anche se siamo bellissime, accade. Appariamo smunte, senza ciglia e sopraccigli. In spiaggia o sulla neve, gli altri continueranno a percepire la nostra bellezza, eliminando gli elementi di disturbo e inserendola in una continuità naturale dell’azione e in contesto di medietà dell’immagine. La presunta oggettività della macchina non è tale. Essa cerca di adeguarsi il più possibile alla percezione umana, ma forse non sarà mai come il nostro occhio-mente, che agisce correggendo le immagini sbagliate, integrandole o con i dati percettivi in memoria.


Per evitare gli errori più comuni che possono farci entrare in crisi con la nostra identità esterna – perchè non ci percepiamo più come siamo, realmente – guardiamo bene il video e concordiamo che:

Il sole eccessivo è il nemico principale della fotogenia. La fotografia isola un’immagine priva dei contesti tonali allargati e non la inserisce nella continuità naturale della percezione. Scava fossi, ombre. Allunga i nasi.Li rende spioventi: rende i volti lividi. Deformi.

I raggi del sole intenso non devono mai colpire il volto, quando scattiamo una fotografia e comunque devono essere particolarmente controllati da chi fotografa E nemmeno devono giungere lateralmente. ma è necessario che siano diffusi. Leonardo, nel Trattato sulla pittura, imponeva, con risentito vigore a tutti i colleghi, di rispettare la bellezza del volto umano, immergendolo nei valori di luce del cielo coperto dalle nubi. Ecco. La luce di un giorno nuvoloso. Il nostro volto viene memorizzato dagli altri riportando la nostra immagine temporanea al ricordo meno deformato dai valori della luce. Girate sempre, al momento degli scatti, le spalle al sole, se non potete evitare la foto sulla battigia. Spostate leggermente il viso, mostrando il vostro lato preferito. I raggi più potenti del sole vanno invecefermati in un’area compresa tra la nuca e l’orecchio.

Evitare di posare per una foto negli orari centrali della giornata. Sì alle immagini sotto l’ombrellone, che diffonde i raggi, o in un angolo più ombroso, ma sempre con l’avvertenza di spostare la testa in una posizione di parziale controluce. Chiedete a chi fotografa, se è più alto di voi, di accucciarsi e abbassare il punto di vista. E se proprio siete “fotopatiche” – ma capita a tutti, con le “istantanee” – ricorrete al vecchio schermo delle dive. Un bel paio d’occhiali da sole. Rinviando le immagini prese per Faceebook a un orario serale.

Anche se amiamo il vento, evitiamo di posare nelle giornate eccessivamente ventose. Il nostro viso reagisce alle raffiche e alla sabbia, con tensioni alterne dei muscoli facciali. Questa sensibilità all’aria e ai sensi è molto apprezzata, soprattutto dai maschi che ci osservano, ma se viene bloccata da una foto si trasforma in una smorfia.

Le immagini del video o il ricordo di conferenzieri bloccati in una smorfia ci avvertono che in quell’istante è meglio non parlare. Insomma: non parlare mentre si mangia e mentre si fa una foto.

Attenzione anche alle foto notturne con flash. La luce arriva all’improvviso mentre i nostri occhi sono immersi nell’oscurità. Smorfie, sguardi persi, se non disallineati. Se volete vedervi come siete, fotografatevi di sera, ma senza flash. O abbiate l’accortezza di cercare di prepararvi secondo l’immagine che avete di voi stesse. Che, in linea generale, coincide con l’immagine che gli altri hanno di voi, anche se specularmente ribaltata.


 

 

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Trasparenze e luci fotografiche dell’eros negli acquerelli di Steve Hanks. Il filmato

Schad: Il ritratto “romano” dell’amante, Fornarina del Ventesimo secolo