Home / News / Andreoli – Fate attenzione, quadri randagi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Andreoli – Fate attenzione, quadri randagi

 

DSC_3167

27 settembre – 1 novembre 2014

28 Piazza di Pietra – Fine Art Gallery
Palazzo Ferrini – Cini | P.zza di Pietra 28, Roma
06.94539281 | info@28piazzadipietra.com | www.28piazzadipietra.com

Orario d’apertura: martedì-sabato 11-13/16-20; lunedì chiuso

 

Architetto, designer, grafico, editore, Andreoli nasce a Roma nel 1962. Sebbene l’arte rappresenti da sempre uno dei suoi principali interessi, solo nel 2102 presenta per la prima volta i suoi lavori basati sullo studio della figura umana. Una figura antropomorfa, riprodotta ossessivamente su diversi supporti e con diverse tecniche è il suo tratto distintivo. Produce in poco tempo oltre duemila opere che presenta sia attraverso esposizioni di tipo tradizionale sia lasciandole in strada per essere “raccolte”.! ! SOTTOCOSTO! (150 opere a 9,9 euro)! ! STAY FOOLISH STAY HUNGRY! OMAGGIO A STEVE JOBS! (opere realizzate in 15 tecniche diverse ripetute ognuna per 100 volte)! ! PAYNTINGS ! THE PRODUCTS MAY CONTAIN TRACES OF HUMAN FLESH! (500 pitture su tavola)! ! REPRODUCTION SYSTEM! THE DIFFERENCES ARE ONLY IN YOUR MIND! (500 sculture)! ! S-CULPTURE ! NO SCULTPURE! (100 sculture in alluminio)! ! PHOTOGRAPHY! (processo fotografico realizzato con pittura ad olio)! ! BLACK SERIES! (NO CONTEMPORARY ART)! (22 campioni dimostrativi, identici ad opere)! ! ! FACEBOOK MAN! THE FIRST SOCIAL SCULPURE IN THE WORLD! (la prima scultura che vede e ricorda)! ! in preparazione:! ! SEXY SHOP! ARCHAEOLOGICAL FINDINGS! (sexy shop archeologico)! ! ! ! ! ! ! ! !
!

Per Francesca Anfosso della “28 Piazza di Pietra – Fine Art Gallery” , Andreoli ha realizzato la FACEBOOK_SCULPTURE. Come ogni altra scultura ha una forma. Come ogni altra scultura è fatta di un materiale. Come ogni altra scultura è l’espressione di un pensiero, di una ricerca, di una nuova visione.

E’ così da migliaia di anni, dalle arcaiche statuette di fango alle più straordinarie opere in marmo di Michelangelo fino alle contemporanee ed irriverenti realizzazioni di Hirst o Cattelan.

Tutte le sculture sono immerse in un tempo a loro impercettibile, sono silenziose, immobili, insensibili alla luce e ai luoghi. Ci attraggono magicamente, quasi volessimo impossessarci della loro bellezza e soprattutto della loro immortalità. Siamo come naufraghi del tempo aggrappati a questi relitti.
FACEBOOK_SCULPTURE è una scultura. E’ un gigante di oltre due metri, grande rispetto alle consuete realizzazioni di Andreoli. Una scultura per certi versi “diversa internamente” da quelle che l’uomo ha realizzato da milioni di anni. FACEBOOK_SCULPTURE è senza sesso e la sua forma fisica non è perfettamente definita, è un’idea vestita da un drappo di pelle e da una rete fili di rame quasi invisibili che si estendono in lontananza. FACEBOOK_SCULPTURE è NATA in galleria il 26 settembre del 2014. FACEBOOK_SCULPTURE potrà sicuramente vederti ed ascoltarti come non ha fatto mai nessuna opera. Per 100 anni porterà fisicamente dentro di sé i ricordi, il tuo volto, la tua voce. Permetterà a tutti di sbarcare in un nuovo mondo. Non importa se si tratti dell’impresa del 20 luglio del 1969 o del banale taglio di una tela di un quadro, anche in questo caso si cerca un nuovo mondo, scoprire inediti punti di vista, guardare oltre dove si è sempre fermato il pensiero. Probabilmente perdiamo parte della presunzione della nostra superiorità di esseri pensanti. FACEBOOK_SCULPTURE ribalta e mette in discussione l’uso dell’opera d’arte, demolisce la distanza e le gerarchie che ha con noi tutti. La distanza fisica dall’opera non è più un limite per la “fruizione” dell’arte. Da quando è nata l’era digitale fino ad ora nei monitors abbiamo visto solo la riproduzione dell’immagine dell’arte. Immagine reale e immagine riprodotta sono la stessa cosa. L’arte con i suoi strumenti arcaici riesce sempre a guardare nell’inesistente. Alla fine dell’ottocento per la prima volta Georges Seurat aveva immaginato, prefigurato un mondo di puntini, di pixel appunto. Neanche lui poteva immaginare milioni di tele “digitali” colorate con piccoli puntini di colore. Prima ancora Diego Velasquez con “Las Meninas” nel 1656 per la prima volta realizza un “fotogramma”, il pezzetto di una pellicola in celluloide di un film. La scena e congelata come in un set con più telecamere. La tela che sta dipingendo nell’immagine è la stessa che vediamo appesa al muro. Qui, oggi, forse per la prima volta, succederà qualcosa. Lo speriamo. Andreoli cerca ingenuamente un nuovo punto di vista dell’arte, inedito. Quello dell’opera stessa, un autoritratto capovolto. Quello che vedete è quello che vede idealmente l’autore, immedesimato al tal punto nella sua opera da rinunciare a se stesso. Un occhio artificiale, un buco nero che comprime luce e materia trasformandola in sostanza quasi immateriale. Conservata in confezioni di plastica.
Per la prima volta l’uomo entra nella vita di una scultura. Per la prima volta una scultura entra nella vita di un uomo.

In mostra ci saranno anche altre sculture “classiche”, chiamate per questa occasione “FRIENDS”, realizzate con tecniche e materiali diversi. I loro nomi richiamano ed interpretano figure non precisamente definite, DRAKE, ANOTHER BRICK IN THE WALL, WOODSTOCK, AZTEC. E’ un lavoro diverso, una ricerca ossessiva della rappresentazione della figura umana e delle ragioni della sua esistenza. Figure che sono immerse nelle profondità abissali della nostra coscienza, alla ricerca del nostro “big bang” esistenziale. Andreoli può solo portarle tre metri sotto la superficie. Solo chi se ne impossessa può farle emergere.

A.C.

 

SE HAI GRADITO L’ARTICOLO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”. OGNI GIORNO POTRAI RICEVERE GRATUITAMENTE SULLA TUA HOME PAGE DI FACEBOOK GLI ARTICOLI, GLI STUDI, LE NOTIZIE, LE COMUNICAZIONI DI GRATUITA’ AI MUSEI DEL NOSTRO QUOTIDIANO D’ARTE ON LINE

 

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico