Home / News / Anticipazioni | Mostra fotografica “The memory box” di Bruno Cattani
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Bruno Cattani
Bruno Cattani

Anticipazioni | Mostra fotografica “The memory box” di Bruno Cattani

BRUNO CATTANI. The Memory Box
Genova | Palazzo Ducale, Sala Liguria
Dal 12 marzo al 3 aprile 2016

Orario: lunedì ore 15.00 – 18.00
dal martedì alla domenica ore 10.00 – 18.00
Informazioni: info@visionquest.it


Genova ospita dal 12 marzo al 3 aprile 2016, nella Sala Liguria di Palazzo Ducale, la mostra The Memory Box, retrospettiva a cura di Clelia Belgrado che indaga attraverso 40 immagini gli ultimi dieci anni di attività del fotografo Bruno Cattani (Reggio Emilia, 1960). Il progetto gioca con delicatezza sulla condivisione di un immaginario visivo che sa essere al tempo stesso individuale e collettivo: Cattani passa in rassegna luoghi, situazioni e frammenti del proprio vissuto – con particolare riferimento all’infanzia – trasformando qualcosa di intimo e unico in un lessico che appartiene a ciascuno di noi.

Bruno Cattani

Bruno Cattani

La nebbiosa periferia di provincia e la caligine estiva degli stabilimenti balneari, spazi industriali abbandonati a se stessi e circhi desolatamente vuoti; e poi ancora i calciobalilla dei bar di paese e le giostrine dei cavalli, la fede compita delle sacrestie e l’erotismo bonario dei calendari nel retro delle botteghe di barbiere: Cattani cattura dettagli ed interi paesaggi, riempiendo di suggestioni la sua – e nostra – ideale Memory Box. Una “scatola della memoria” che non sembra racchiudere una collezione di ricordi in particolare, ma l’essenza stessa del ricordo: in un misto di nostalgia e tenerezza.

La mostra di Genova documenta un percorso creativo in costante evoluzione, dal punto di vista concettuale ma anche tecnico. Ai primi scatti analogici, effettuati su pellicola istantanea Polaroid 669 Polarcolor Film, si aggiungono quelli più recenti, con la scelta di passare al digitale a seguito della fine dell’epopea della stessa Polaroid (2008). Una svolta che ha portato Cattani ad affrontare il tema della manipolazione dell’immagine, con interventi che hanno via via accentuato il carattere onirico e magico delle sue composizioni.

 

Bruno Cattani – Biografia
Bruno Cattani vive e lavora a Reggio Emilia, dove è nato nel 1960. Negli anni riceve numerosi incarichi nell’ambito della ricerca fotografica per musei quali il Musée Rodin, il Musée du Louvre, l’École Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi; l’Istituto Nazionale per la Grafica, il Pergamonmuseum di Berlino e la Soprintendenza Archeologica di Pompei. Nel 2000 è presente nell’esposizione D’après l’Antique al Musée du Louvre e, nello stesso anno, la sua mostra L’arte dei luoghi è inserita all’interno del programma del Mois de la Photo di Parigi. Figure Nel Tempo è il titolo della personale che si tiene, nel 2002, alla Galleria Civica di Modena a cura di Walter Guadagnini. Nel 2003 espone alcune sue fotografie che gli sono state commissionate dal Musée Rodin di Parigi, nella mostra curata da Sandro Parmiggiani Camille Claudel. Anatomie della vita interiore tenutasi a Palazzo Magnani di Reggio Emilia. E’ tra gli artisti invitati ad esporre nel 2011 al Padiglione Italia della 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, selezionato da Italo Zannier.
Il 2014 è l’anno della ristampa del volume Memorie, edito da Danilo Montanari Editore, nuovo capitolo della sua ricerca che prosegue con molti nuovi scatti. Le sue fotografie sono conservate presso gli Archives Photographiques du Musée du Louvre, la Maison Européenne de la Photographie di Parigi, The New York Public Library for the Performing Arts, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Bibliotéque Nationale de France di Parigi, il Musée Réattu d’Arles, il Musée de la photographie di Charleroi, il Musée Nicephore Niépce Ville de Chalon sur Saône, la Maison Europeenne de la Photographie di Parigi, la Polaroid Collection e il Museo di Thessaloniki (Grecia).

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più