Home / News / Anticipazioni mostre. La Madonna Esterházy di Raffaello a dicembre a Milano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Anticipazioni mostre. La Madonna Esterházy di Raffaello a dicembre a Milano

Madonna Esterházy
a cura di Stefano Zuffi

Palazzo Marino, Sala Alessi, Milano
3 dicembre 2014 – 11 gennaio 2015

Info prenotazione scuole
800-16-76-19

Ingresso libero

Orari di apertura al pubblico
Tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 20.00
(ultimo ingresso alle ore 19.30)
giovedì dalle ore 9.30 alle 22.30
(ultimo ingresso alle ore 22.00)
7 dicembre chiusura ore 12.00
24 e 31 dicembre chiusura ore 18.00

Dal 3 dicembre 2014 all’11 gennaio 2015, nella Sala Alessi a Palazzo Marino, la cinquecentesca sede del Comune di Milano, verrà ospitata la Madonna Esterházy di Raffaello, splendida opera del genio del Rinascimento proveniente dal Museo delle Belle Arti di Budapest (Szépművészeti Múzeum).

Promossa dal Comune di Milano, Intesa Sanpaolo e la Rinascente, l’iniziativa è realizzata da Palazzo Reale e dal Museo delle Belle Arti di Budapest in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Piazza Scala, curata da Stefano Zuffi e organizzata con la collaborazione di Arthemisia Group.

Raffaello  Madonna col Bambino e san  Giovannino (Madonna Esterházy)  circa 1508  tempera e olio su tavola, 28,5 x  21,5 cm  Budapest, Museo di Belle Arti  (Szépművészeti Múzeum)

Raffaello
Madonna col Bambino e san
Giovannino (Madonna Esterházy)
circa 1508
tempera e olio su tavola, 28,5 x
21,5 cm
Budapest, Museo di Belle Arti
(Szépművészeti Múzeum)

 

Il dipinto, raffinatissimo e solare, raffigura la Madonna col Bambino e san Giovannino e segna esattamente la conclusione del fondamentale periodo trascorso da Raffaello a Firenze, prima di essere chiamato a Roma da Papa Giulio II. La composizione di quest’opera si ispira in modo esplicito a Leonardo, conosciuto e attentamente studiato da Raffaello, che porta con sé la tavola nel trasferimento a Roma, luogo dove aggiunge, sullo sfondo, i ruderi del Foro Romano, dipinti con precisione topografica, a riprova di una conoscenza diretta e di una serena e convinta “immersione” nella classicità.
L’esposizione sarà corredata da un catalogo edito da Skira.
L’ingresso alla Sala Alessi e le visite guidate alla mostra sono completamente gratuite.

I visitatori saranno ammessi alla mostra in gruppi, accolti da storici dell’arte di Civita, gestore museale delle Gallerie d’Italia, che faranno da guida al percorso espositivo.
Le scuole potranno prenotare la visita guidata al numero 800-16-76-19

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista