Home / News / Anticipazioni – ROBERT CAPA IN ITALIA | La mostra il 30 gennaio allo Spazio Oberdan di Milano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum - Collection of the Hungarian National Museum
Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum - Collection of the Hungarian National Museum

Anticipazioni – ROBERT CAPA IN ITALIA | La mostra il 30 gennaio allo Spazio Oberdan di Milano



ROBERT CAPA IN ITALIA 1943 – 1944
30 gennaio –26 aprile 2015
Spazio Oberdan, Milano

Orari: tutti i giorni dalle 10 alle 18.
Chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1 gennaio
Ingresso gratuito
Per informazioni al pubblico: +39 0521 033652

Arriva allo Spazio Oberdan di Milano la mostra dedicata al grande fotoreporter di guerra Robert Capa, che racconta gli anni della seconda guerra mondiale in Italia.

Per iniziativa della Provincia di Milano, della Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia e del Museo Nazionale Ungherese di Budapest, con il patrocinio del Comune di Milano, la mostra, dal titolo ROBERT CAPA IN ITALIA presenta 78 immagini in bianco e nero scattate nel biennio 1943 – 44.

L’esposizione è curata da Beatrix Lengyel e promossa dal Ministero delle Risorse Umane d’Ungheria e dal Consolato  Generale di Ungheria di Milano.

Soldato americano in perlustrazione nei dintorni di Troina, 4-5 agosto 1943  Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum - Collection of the Hungarian National Museum

Soldato americano in perlustrazione nei dintorni di Troina, 4-5 agosto 1943
Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum

Considerato da alcuni il padre del fotogiornalismo, da altri colui che al fotogiornalismo ha dato una nuova veste e una nuova direzione, Robert Capa (Budapest, 1913 – Thái Binh, Vietnam, 1954) pur non essendo un soldato, visse la maggior parte della sua vita sui campi di battaglia, vicino alla scena, spesso al dolore, a documentare i fatti: “se le tue fotografie non sono all’altezza, non eri abbastanza vicino”, ha confessato più volte.

In oltre vent’anni di attività ha seguito i cinque maggiori conflitti mondiali: la guerra civile spagnola, la guerra sino-giapponese, la seconda guerra mondiale, la guerra arabo-israeliana del 1948 e la prima guerra d’Indocina.

In coda per l'acqua in una via di Napoli, ottobre 1943 - Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum - Collection of the Hungarian National Museum

In coda per l’acqua in una via di Napoli, ottobre 1943 – Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum

Le settantotto fotografie esposte a Spazio Oberdan mostrano una guerra fatta di gente comune, di piccoli paesi uguali in tutto il mondo ridotti in macerie, di soldati e civili, vittime di una stessa strage. L’obiettivo di Robert Capa tratta tutti con la stessa solidarietà, fermando la paura, l’attesa, l’attimo prima dello sparo, il riposo, la speranza.

Soldati americani a Troina, nei pressi della cattedrale di Maria Santissima Assunta, dopo il 6 agosto 1943 -  Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum - Collection of the Hungarian National Museum

Soldati americani a Troina, nei pressi della cattedrale di Maria Santissima Assunta, dopo il 6 agosto 1943 –
Photograph by Robert Capa © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista