Home / News / Antonella Giapponesi Tarenghi: le parole dipinte portano a Itaca e all’Eden
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Antonella Giapponesi Tarenghi: le parole dipinte portano a Itaca e all’Eden

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

Antonella Giapponesi Tarenghi
La parola dipinta
Galleria civica Bosio
Piazza Malvezzi
Desenzano del Garda (Bs)
16 luglio-7 agosto.
Inaugurazione: 16 luglio 18,3O
Orari: Marted’, 10-12,30;
giovedì e venerdì 16-19,30
sabato e festivi 10,30-12,30
16-19,3o. Entrata libera

RADICI (1)

TESTO CRITICO IN CATALOGO

di Maurizio Bernardelli Curuz 

La mostra di Antonella Giapponesi Tarenghi è un’esperienza iniziatica. Dall’opera al nero, in cui il terreno pesante, denso dei vizi capitali, ha una parvenza impura e inquieta, alla calcinazione, all’effetto delle fiamme, attraverso il fuoco del viaggio, alla depurazione del vento salmastro, al dilavamento del carbonchio nelle acque lustrali. Una progressiva ascesi, verso il chiarore degli stati angelici in cui le parole non ingannano, ma emanano una luce pura.

 

Ottimamente strutturato, il percorso dei dipinti attiva due viaggi paralleli – quello di Ulisse e quello di Dante – indirizzati a un ritorno-elevazione. Un ritorno radicale alle vere radici; all’essenza prima; dopo un lungo errare. I gironi concentrici dei mondi capovolti consentono di risalire, attraverso un’azione su se stessi, in direzione di Itaca e del Paradiso, superati i nodi dell’inganno dei sensi e della dittature dell’io. Dai vizi alle virtù, attraverso i fremiti del cuore. Attraverso l’amore.

 

 

I  dipinti di Giapponesi Tarenghi ci conducono lungo questo percorso. Non sono elementi rapsodici, a sé stanti, ma si fondono, colloquiano in un senso perfettamente strutturato dell’insieme. E la mostra diventa un tragitto di elevata valenza artistica e semantica, fortemente connotato da uno splendido radioso pensiero neoplatonico.


 

Le opere traggono origine da un ripensamento della parola-forma dei futuristi e dal suo utilizzo nell’esperienza cubista e pop. Parola che qui si radica, diviene  eco di se stessa, si rifrange in  movimenti caleidoscopici, in una pittura di grande eleganza e, al tempo stesso, fortemente connotata dal piano dei significati.

Ogni quadro continua a risuonare in noi, con i movimenti concentrici di un sasso gettato in pozzo, che provoca un suono magico e onde ordinate di luce.

 

 

 

ENERGIA

MADRE LABIRINTO

MADRE LUNA

MADRE TARTARUGA

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista