Home / Arte contemporanea / Artisti emergenti: Morena Polini e l’estasi del colore
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L'artista Morena Polini (© Paolo Quarticelli Photo) e un dettaglio di Fairyland
L'artista Morena Polini (© Paolo Quarticelli Photo) e un dettaglio di Fairyland

Artisti emergenti: Morena Polini e l’estasi del colore

Morena Polini – artista

Info: morenacreations.wordpress.com

Email: morenacreations@gmail.com

La forma al servizio di una filosofia e di una terapia cromatica che riappacifica con il mondo; l’emozione estatica in una fusione eterogenea di diverse forme e colori. E’ una continua ricerca di armonia nella disarmonia, è il dare un senso, una chiave di lettura ordinata nella sregolatezza di cui la vita e l’intero cosmo sono composti. Una poetica, quella presente nei dipinti in acrilico realizzati della venticinquenne artista bresciana, Morena Polini, che sta trovando sempre maggior apprezzamento e favori di critica.

Circus

Circus

L’arte di Polini è proiettata verso una visione ottimistica, quasi ludica, della realtà. Nelle sue opere, dove razionali linee a tratto sicuro coesistono con esuberanti e volubili pois, è presente l’aspetto terapeutico della pittura. Una catarsi dal grigiore e dalla regolarità di una esistenza legata all’abitudinarietà. Ecco dunque il tripudio delle forme, l’esaltazione dei colori, il voler a tutti i costi pensare con ottimismo, “perché aspirando al positivo se ne ottiene l’effettiva concretizzazione” dichiara l’artista. Il tutto in una costruzione del piano pittorico che rimanda a influenze e ispirazioni “kandinskiane”.

E proprio come per il maestro russo dell’arte astratta, l’arte di Morena Polini è legata a filo diretto con la dimensione spirituale dell’osservatore e la scelta del colore ricopre un’importanza cruciale per l’esegesi della creazione stessa.
Ogni colore e ogni forma danno un impulso ben preciso al nostro cervello e una screziatura diversa alla nostra anima.

 

Il colore è il tasto. L’occhio è il martelletto. L’anima è un pianoforte con molte corde.
L’artista è la mano che, toccando questo o quel tasto, fa vibrare l’anima.” V. Kandinskij

Analizziamo ora, insieme all’artista bresciana, le opere più recenti (presenti sul suo sito morenacreations.wordpress.com):

Dreamland

Dreamland

Dreamland – spiega Morena Polini – è la mia ultima tela e anche la mia preferita, sono partita con un’idea e sono arrivata a tutt’altro; questa tela è frutto dell’ispirazione del momento. Il risultato mi ricorda un paesaggio onirico e fantastico, guardandola vorrei ci si lasciasse trasportare dai propri desideri, all’interno dei nostri sogni; è una breve fuga dalla realtà in un posto felice e misterioso.”

Fairyland

Fairyland

“In Fairyland il movimento ondulatorio delle linee e l’utilizzo soprattutto dei colori primari trova divario strutturale rispetto ai giochi chiaroscurali dei piccoli pois. Anche qui l’obiettivo è smuovere gli schemi, dare uno schiaffo cromatico all’apatia. E’ ancora una volta una piccola fuga dalle realtà, in una evasione onirica e cromatica”

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica