Home / Mostre in Italia / Arts&Foods. Rituali dal 1851 al Palazzo della Triennale di Milano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sharon Core,
Apples in a Porcelain Basket,
2007
Chromogenic print
© Sharon Core, Courtesy
of the Artist and Yancey
Richardson
Sharon Core, Apples in a Porcelain Basket, 2007 Chromogenic print © Sharon Core, Courtesy of the Artist and Yancey Richardson

Arts&Foods. Rituali dal 1851 al Palazzo della Triennale di Milano


Arts&Foods. Rituali dal 1851
Milano, Palazzo della Triennale
a cura di Germano Celant
10 aprile – 1 novembre 2015

Orari
Lunedì – Domenica
10.00 – 23.00

Ingresso
con il Biglietto di
“Cucine & Ultracopri – Triennale Design Museum Ottava Edizone”
(Euro 12,00 / 10,00 / 8,00)
oppure con il Biglietto Expo Milano 2015

Nell’ambito di Expo 2015 “Arts & Foods”, a cura di Germano Celant e con l’allestimento dello Studio Italo Rota, viene allestito negli spazi interni ed esterni della Triennale e mette a fuoco la pluralità di linguaggi visuali e plastici, oggettuali e ambientali che dal 1851, anno della prima Expo a Londra, fino ad oggi hanno ruotato intorno al cibo, alla nutrizione e al convivio.

Una panoramica mondiale sugli intrecci estetici e progettuali che hanno riguardato i riti del nutrirsi e una mostra internazionale che farà ricorso a differenti media così da offrire un attraversamento temporale, dallo storico al contemporaneo, di tutti i livelli di espressività, creatività e comunicazione espressi in tutte le aree culturali.

Il tutto intrecciato alle testimonianze di artisti, scrittori, film makers, grafici, musicisti, fotografi, architetti e designers che, dall’Impressionismo e dal Divisionismo alle Avanguardie storiche, dalla Pop Art alle ricerche più attuali, hanno contribuito allo sviluppo della visione e del consumo del cibo.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico