Home / Arte contemporanea / Astrazione e figurazione. La ricerca dell’equilibrio nella mostra personale di Alfredo Pirri
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

ape pirri

Astrazione e figurazione. La ricerca dell’equilibrio nella mostra personale di Alfredo Pirri

Dall’11 Marzo 2014 al 10 Maggio 2014, la sede milanese di Giacomo Guidi Arte Contemporanea (via Stoppani 15/c) ospita la personale di Alfredo Pirri, artista noto nel panorama artistico internazionale, la cui carriera vanta importanti partecipazioni quali la Biennale di Venezia, il PS1 di New York, la Biennale d’arte contemporanea dell’Avana.

Alfredo Pirri, Passi, Installazione alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma, 2011, Cristallo stratificato e argentato, rottura termica e statuaria della collezione del museoProprietà: Collezione Galleria Nazionale d'Arte Moderna,

Alfredo Pirri, Passi, Installazione alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma, 2011, Cristallo stratificato e argentato, rottura termica e statuaria della collezione del museoProprietà: Collezione Galleria Nazionale d’Arte Moderna,



A Milano, Pirri presenterà un ciclo di dieci opere inedite realizzate per l’occasione, in bilico fra astrazione e figurazione. Tutte titolate ‘Arie’ e di medesime dimensioni – 208 x 108 cm – sono frutto di un processo lungo e minuzioso, e di una stratificazione di passaggi. Realizzate su supporti di plexiglas colorato in pasta sul cui verso vengono applicate attraverso l’utilizzo di resine speciali, delle piume conciate, successivamente spolverate con pigmenti puri, lavate, e infine ritoccate con vernici acriliche a pennello.
A completare l’opera è una cornice appositamente progettata che funge anche da ‘schermo’ poiché nel suo bordo interno si riverbera il colore sintesi di quello del plexiglas stesso e della materia pittorica.

Alfredo Pirri, Piume, 2006, 120x120, acciaio, plexiglass, piume conciate e vernici acriliche

Alfredo Pirri, Piume, 2006, 120×120, acciaio, plexiglass, piume conciate e vernici acriliche

Alfredo Pirri, Passi, Installazione a Palazzo Te di Mantova, 2013, Cristallo argentato, rottura meccanica, collezione del museo, Foto: Paolo Pescasio, Courtesy: L'artista e Palazzo Te, Mantova

Alfredo Pirri, Passi, Installazione a Palazzo Te di Mantova, 2013, Cristallo argentato, rottura meccanica, collezione del museo, Foto: Paolo Pescasio, Courtesy: L’artista e Palazzo Te, Mantova

Le “Arie” appaiono come dei vortici di piume, la cui percezione oscilla tra materiale e immateriale, restituendo un’impressione di movimento seppur congelato, come fossero fotogrammi di un film, pose momentanee e sfuggenti. La materia si presenta quindi come un frammento di colore leggerissimo e impalpabile, in equilibrio “fra qualcosa di pungente, animale e qualcosa di etereo” come l’artista stesso afferma.

ALFREDO PIRRI
La sede milanese di Giacomo Guidi Arte Contemporanea (via Stoppani 15/c),

dall’11 marzo al 10 maggio 2014, ospiterà la personale di Alfredo Pirri.
Inaugurazione: martedì 11 marzo, ore 18.30

Alfredo Pirri, ritratto © Rodolfo Fiorenza

Alfredo Pirri, ritratto © Rodolfo Fiorenza

Alfredo Pirri (Cosenza 1957) vive e lavora a Roma. Col suo lavoro si è imposto all’attenzione del pubblico a partire dalla metà degli anni Ottanta. Ha esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero: Biennale di Venezia, PS1, New York, Biennale d’arte contemporanea dell’ Havana, Palazzo delle Papesse, Siena, Walter Gropius Bau, Berlino, Villa Medici, Roma, Bunkier Stzuki, Krakov, Centro d’arte “La Pescheria” Pesaro, Museo d’arte contemporanea Rjieka, Maison de la Photo Parigi, Galleria Nazionale d’Arte Moderna – Roma, dove la sua installazione dal titolo “Passi” è esposta in permanenza facendo parte della sua collezione. Ha svolto attività di insegnamento e seminari in diverse istituzioni fra cui: Bezalel Academy di Gerusalemme, Accademia di Lione, Università La Sapienza di Roma, Accademia Belle Arti di Urbino. Ha curato progetti rivolti a giovani artisti (Accademia dello Scompiglio, Lucca).

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista