Home / News / Auguri, Stefano. Per te il canto celtico di Santo Stefano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Auguri, Stefano. Per te il canto celtico di Santo Stefano

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Tra i suggestivi canti natalizi, figura anche la carola di Santo Stefano, una canzone di origine medievale che veniva cantata in Inghilterra, soprattutto nel giorno successivo a quello della celebrazione della nascita di Cristo. Con il sostantivo “carola”, la cultura anglosassone identifica i canti natalizi. La carola è la forma più documentata di danza durante il Medioevo, nota già dal XII e XIII secolo nell’Europa occidentale in ambienti di corte e rurali.


Il ballo si svolge ordinatamente con due gruppi di danzatori che si tengono le mani formando un cerchio – girotondo – con un capogruppo che conduce la danza e il canto e gli altri che ripetono il ritornello.
Una versione della carola di Santo Stefano appare in una raccolta di antiche melodie “Alcune carole del Natale antico”, edita nel Regno Unito nel 1822. Qui ascoltiamo la versione cantata da Andy Turner

 

SANTO STEFANO NELL’ICONOGRAFIA E NELLA STORIA. PER APPROFONDIRE, CLICCA QUI SOTTO IL NOSTRO LINK INTERNO

http://www.stilearte.it/santo-stefano-nellarte-quelle-pietre-simili-a-uova-sulla-testa-e-sulle-spalle/

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti