Home / Archivi Autore: Redazione

Archivi Autore: Redazione

Redazione

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Giovani donne, fiori, giardini, interni sontuosi, bambini. E' una pittura di gioia quella di Charles Courtney Curran (1861-1942) pittore americano, che svolse pratica in Francia a contatto con gli ambienti impressionisti. La sua pittura è più compatta e lineare, a differenza di quella dei colleghi francesi, come prescriveva la tradizione statunitense di quell'epoca.Figlio di un insegnante di scuola, Curran nacque a Hartford, nel Kentucky nel 1861. Pochi mesi dopo l'inizio della guerra civile, la famiglia si trasferì in Ohio; poi si stabilì a Sandusky sulle rive del lago Erie, dove il padre diventò direttore didattico. Charles Curran mostrò un interesse precoce e un'attitudine per l'arte e nel 1881 si trasferì a Cincinnati a studiare alla McMicken School (successivamente all' Accademia di Belle Arti di Cincinnati)

Leggi Articolo »

Sai cos’è il teatro marittimo di Villa Adriana a Tivoli?

Il Soprintendente per l’archeologia, le belle arti e il paesaggio per l’Area metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, Alfonsina Russo, così sottolinea l’importanza dell’evento: “L’impegnativa opera di restauro, svoltasi nel 2014-2016, ha risolto i problemi di sicurezza e restituito piena leggibilità al più celebre complesso monumentale della Villa che per le sue numerose “citazioni” nell’architettura moderna ha contribuito in maniera determinante all’iscrizione della residenza tiburtina nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Dopo un lungo periodo di chiusura sarà di nuovo percorribile il suggestivo portico anulare del Teatro Marittimo, che consentiva di accedere ai due vicini Palazzi imperiali, e si potrà ammirare la minuscola domus privata accolta sull’“isola” centrale cinta dal canale

Leggi Articolo »

Trasparenze e luci fotografiche dell’eros negli acquerelli di Steve Hanks. Il filmato

Molto fedele alle convenzioni fotografiche d'ambiente, Steve Hanks - nato San Diego, negli Stati Uniti, nel 1949 - è, sotto il profilo dello sviluppo tecnico, un acquerellista magistrale che coglie, fin quasi a una perdita , nel sole, ogni istante luminoso. Abbacina i sensi, li percuote, pur se la paletta - cioè gli accordi cromatici - rinviano a un gusto anni Ottanta-Novanta a trasparenze 1

Leggi Articolo »

Umberto Brunelleschi, disegni erotici Déco. La donna è di porcellana e di seta

Utilizzò le ultime suggestioni del linguaggio liberty per diventare uno straordinario disegnatore e designer Déco. Dalle forme allungate, floreali, si transitò a forme più compatte, arrotondate, contenute, con minori decorazioni, ma tutto era come coperto da uno smalto o da delicata porcellana.Anche nel disegno erotico eccelse.E recuperò, sottolineando l'instaurazione di un collegamento tra il curvilineo settecentesco degli anni Venti-Trenta, ambientazioni del secolo della luce, che a quell'epoca sentivano particolarmente vicine.

Leggi Articolo »

Chiasmo – Cos’è il contrapposto manierista. Perché dà forza a quadri e sculture

Il contrapposto manierista o chiasmo è una particolare strutturazione della forma scultorea che conferisce forza alla stessa attraverso l'alternanza incrociata di forza e abbandono degli arti. La forma a chiasmo il cui nome deriva dal greco "croce" viene utilizzata nella scultura classica, come superamento della staticità plastica, ma è prepotentemente ripresa nel periodo rinascimentale e post-rinascimentale da scultori e pittori vicini a Michelangelo Buonarroti, che utilizza il "contrapposto" con esiti di massima potenza

Leggi Articolo »

Leonardo da Vinci era davvero omosessuale? Disegni, dubbi, calunnie, accuse sessuali. E verità

La denuncia anonima del 9 aprile 1476, fatta pervenire agli ufficiali preposti al buon costume, attraverso i "tamburi", ovvero un sistema simile a quello della ruota degli esposti. Il denunciante lasciava intendere che un giovane forentino, Jacopo Saltarelli avesse un'intensa attività sessuale, probabilmente a pagamento, con diverse dozzine di uomini, tra i quali viene segnalato Lionardo di ser Piero da Vinci.

Leggi Articolo »

Un’invenzione botanica portò Monet a coltivare e dipingere ninfee. Il video

La svolta che Monet impresse alla propria pittura, passando dal paesaggio a campo largo, alla visione ravvicinata di porzioni di natura che preludono alla via dell'informale, fu consentita, oltre alle esigenze del pittore di rinnovare le modalità di rappresentazione dell'istante di luce, dal mercato della botanica che, proprio in quegli anni, si apriva all"invenzione", attraverso incroci tra specie esotiche e la bianca europea, delle ninfee colorate. In precedenza, da noi, questi fiori delle acque stagnanti erano nivei. Ma all'esposizione universale del 1889 Latour-Marliac, un possidente appassionato di giardini, presentò le nuove varietà, che conquistarono il pubblico e che gli valsero il primo premio nella propria categoria

Leggi Articolo »