Home / News / Balla: Gli esordi divisionisti e gli ideali umanitari
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Balla: Gli esordi divisionisti e gli ideali umanitari

Giacomo Balla esordisce da divisionista. Compagno di studi di Pellizza da Volpedo, quando, nel 1895, si trasferisce a Roma, non tarda a radunare intorno a sé un gruppo di giovani artisti (tra cui Boccioni, Severini e Sironi), che lo considerano un pioniere della nuova tendenza e che lo riconoscono subito come punto di riferimento della stessa.


Influenzato per certi versi anche dalla “lettura” della luce attuata dall’Impressionismo e dal Pointillisme, Balla realizza lavori i cui temi sono prevalentemente individuati all’interno di un filone pauperista, ispirato a un’idea di socialismo umanitario. Ne è un esempio La giornata dell’operaio, del 1904.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il pittore che amava la neve. Il candore nelle opere di Alfons Walde (1891-1958). Video

Erica Chappuis, sesso dionisiaco sulla linea tesa tra gli antichi Greci e Picasso. Le immagini