Home / arte curiosità / Bandito per legge lo spiedo bresciano. Addio. I suoi profumi nei quadri di Inganni
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Bandito per legge lo spiedo bresciano. Addio. I suoi profumi nei quadri di Inganni

Un dipinto di Angelo Inganni. Una giovane donna e uno spiedo di beccacce

Un dipinto di Angelo Inganni. Una giovane donna e uno spiedo di beccacce

 

Una tenda copra le opere di Angelo Inganni, il pittore dell’Ottocento che, accanto alle città di Milano e di Brescia, cantò pittoricamente lo spiedo bresciano, realizzato, cioè con uccelli. La modifica dell’art 21 della legge sulla caccia non permetterà più di mangiare il piatto nei locali pubblici, ma il prodotto potrà, di fatto, essere consumato soltanto dai cacciatori, dai familiari e dagli amici. Le modifiche della legge sull’attività venatoria, infatti, impediscono la vendita dei volatili, che venivano acquisiti dai ristoratori, dopo le precedenti restrizioni, presso Paesi extraeuropei. Se ne va così, pubblicamente, una tradizione millenaria, attraverso i lapidari interventi europeisti del legislatore.

Eccoli:

é vietato a chiunque:

bb) vendere, detenere per vendere, trasportare per vendere, acquistare uccelli vivi o morti, nonché loro parti o prodotti derivati facilmente riconoscibili, anche se importati dall’estero, appartenenti a tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri dell’Unione europea, ad eccezione delle seguenti: germano reale (anas platyrhynchos); pernice rossa (alectoris rufa); pernice di Sardegna (alectoris barbara); starna (perdix perdix); fagiano (phasianus colchicus); colombaccio (columba palumbus) (43); (*)

cc) il commercio di esemplari vivi di specie di avifauna selvatica nazionale non proveniente da allevamenti di specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri dell’Unione europea anche se importati dall’estero.

Un'osteria bresciana, durante la stagione invernale, in un dipinto di Angelo Inganni. A sinistra, sul fuoco, è possibile vedere uno spiedo

Un’osteria bresciana, durante la stagione invernale, in un dipinto di Angelo Inganni. A sinistra, sul fuoco, è possibile vedere uno spiedo

 

E il fuoco divamperà, nel Bresciano, già poco incline ai provvedimenti romani e di Bruxelles, contro il governo di centro.-sinistra.  Per svariati motivi, ai quali si aggiungerà la fiamma dello spiedo.

 

 

UN VIAGGIO TRA I DIPINTI DI ANGELO INGANNI

 

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista