Home / Arte contemporanea / Banksy, non uccidete il vostro piccolo Dumbo. Divertente, poetico, contro la guerra. Ecco il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Banksy, non uccidete il vostro piccolo Dumbo. Divertente, poetico, contro la guerra. Ecco il video


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Il famoso graffitista Banksy, fra i massimi esponenti della Street Art è autore di questo video che nella sua assoluta provocazione impone un’amara riflessione.Un gruppo di ribelli armati sta combattendo e abbatte un oggetto volante non identificato. Ma quando il bersaglio raggiunge il suolo, ci si rende conto che è Dumbo, il piccolo Dumbo protagonista del film d’animazione, creato da Walt Disney nel 1941. Come avete potuto vedere, il video si conclude con l’arrivo di un bambino, addolorato nel vedere morire davanti ai suoi occhi una delle immagini a lui più cara. Cosa fa il bimbo? Cosa può fare un bimbo? Sdegnato tira un calcio negli stinchi del colpevole.

Tutti conoscono e hanno visto il film “Dumbo”, ma rivedere ora una piccola parte, dopo il video di Bansky, conduce a una nuova lettura semantica dell’amatissimo elefantino dalle enormi orecchie.

 

 


La performance di Basnky, commentata da molte testate internazionali, tra cui The Guardian, non può non avviare molte considerazioni. La metafora del graffitista deve essere allargata anche agli adulti, che, più grandi, possono difendersi da chi vuole togliere dalla loro anima “Dumbo”, che null’altro è che la trasposizione del fanciullino pascoliano, guida imprescindibile nel nostro incerto incedere.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico