Home / News / Bodoni, il principe dei tipografi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Una cassetta di punzoni di caratteri tipografici bodoniani

Bodoni, il principe dei tipografi

Persino Napoleone volle personalmente recarsi a Parma per rendere omaggio a colui che
riteneva non solo il più sublime dei tipografi ma un artista assoluto. “Bodoni, Principe dei tipografi”, viene celebrato a Parma nel bicentenario della morte con una grande mostra allestita, dal 5 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014 in alcuni degli spazi monumentali più affascinanti della città: la Biblioteca Palatina, il Teatro Farnese e la Galleria Nazionale, nel Palazzo della Pilotta dove, tra l’altro, Bodoni visse e operò.

Andrea Appiani, Ritratto di Bodoni

Andrea Appiani, Ritratto di Bodoni


È una mostra che nasce da lontano, da un progetto ideato da Andrea De Pasquale, direttore tra il 2008 e i primi del 2012 della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano, e poi continuato in piena sinergia con l’attuale direttore della Biblioteca e del Museo, Sabina Magrini, e con il Soprintendente per i Beni Storici Artistici di Parma, Mariella Utili. L’intera iniziativa è stata resa possibile grazie al contributo di Fondazione Cariparma che, con la generosità consueta, ha curato anche gli aspetti gestionali del progetto, insieme anche alla Fondazione del Museo Bodoniano.

Bodoni 30x30_25-06testoTracciati:Bodoni 30x30Tutte le istituzioni, che hanno lavorato fianco a fianco, nell’ambito delle diverse competenze, con l’intento comune di rendere al meglio l’atmosfera degli anni in cui Bodoni fu attivo, e di presentare gli interlocutori eccellenti a cui fu legato, le edizioni straordinarie che seppe concepire e commercializzare, per illustrare ad un pubblico più ampio possibile l’importanza dell’artista che ha reso grande la storia della tipografia italiana nel mondo.

In un contesto spettacolare quale la Galleria Petitot e i Saloni Neoclassici della Galleria Nazionale, resi ancora più suggestivi dall’allestimento di Pier Luigi Pizzi, scenografo e regista teatrale di grande fama, saranno esposti i raffinati volumi bodoniani e le testimonianze dell’intero processo di realizzazione e di commercializzazione di capolavori che, per contenuto come per qualità di stampa, erano contesi da corti, accademie, biblioteche e intellettuali dell’Europa a cavallo tra Sette e Ottocento. Il ricorso all’utilizzo di strumenti multimediali permetterà di comprendere appieno quanto radicale sia stata la sua “rivoluzione” nella storia dell’arte tipografica.

Accanto alle meraviglie uscite dai torchi di Giambattista Bodoni, a rivivere in mostra è il mondo culturale, economico e istituzionale, sono le corti italiane ed europee appunto, che in Bodoni trovarono l’artigiano-artista in grado di dar forma di libro alle loro istanze, idee ed ideali, attraverso le vedute e ai ritratti dei personaggi che animarono la vita politica ed economica dell’epoca realizzati da grandi artisti, Goya, Anton Raphael Mengs, Angelica Kauffmann, Francois Gerard e i molti altri già presenti nelle collezioni ducali tra cui Andrea Appiani, Antonio Canova, Bernardo Bellotto, Robert Hubert.
Sito della mostra: www.mostrabodoni.it

Bodoni (1740-1813). Principe dei tipografi nell’Europa dei Lumi e di Napoleone
Parma, Biblioteca Palatina, Teatro Farnese e Galleria Nazionale
Palazzo della Pilotta, Strada alla Pilotta, 3
5 ottobre 2013 – 12 gennaio 2014

Orari:
Dal martedì alla domenica 9,00 – 18,00
Domenica ultimo ingresso dalla Biblioteca Palatina ore 16,30
Chiuso il lunedì
Ingresso:
Intero
6 euro fino alle ore 14
3 euro dopo le ore 14

Ridotto ai 18 ai 25 anni
3 euro fino alle ore 14
1,50 dopo le ore 14

Gratuito per under 18 e over 65 anni

Curatore: Andrea De Pasquale
Organizzatori: Fondazione Museo Bodoniano, Biblioteca Palatina di Parma, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Parma e Piacenza, Fondazione Cariparma.

Progetto allestimento: Pier Luigi Pizzi
Patrocinio: Provincia di Parma; Comune di Parma; Camera di Commercio di Parma

Main sponsor: Fondazione Cariparma

con il sostegno di Agfa, Fedrigoni, Photocity.it e di ASCOM, Centroffset, Coppini Arte Olearia – Aziende agricole, Meverin.

Sponsor tecnici: Macrocoop, Reale Mutua Assicurazioni – Agenzia Coscelli e Fornaciari.

Media Partner: Gazzetta di Parma

Ufficio Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video