Home / News / Bodoni, il principe dei tipografi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Una cassetta di punzoni di caratteri tipografici bodoniani
Una cassetta di punzoni di caratteri tipografici bodoniani

Bodoni, il principe dei tipografi

Persino Napoleone volle personalmente recarsi a Parma per rendere omaggio a colui che
riteneva non solo il più sublime dei tipografi ma un artista assoluto. “Bodoni, Principe dei tipografi”, viene celebrato a Parma nel bicentenario della morte con una grande mostra allestita, dal 5 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014 in alcuni degli spazi monumentali più affascinanti della città: la Biblioteca Palatina, il Teatro Farnese e la Galleria Nazionale, nel Palazzo della Pilotta dove, tra l’altro, Bodoni visse e operò.

Andrea Appiani, Ritratto di Bodoni

Andrea Appiani, Ritratto di Bodoni


È una mostra che nasce da lontano, da un progetto ideato da Andrea De Pasquale, direttore tra il 2008 e i primi del 2012 della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano, e poi continuato in piena sinergia con l’attuale direttore della Biblioteca e del Museo, Sabina Magrini, e con il Soprintendente per i Beni Storici Artistici di Parma, Mariella Utili. L’intera iniziativa è stata resa possibile grazie al contributo di Fondazione Cariparma che, con la generosità consueta, ha curato anche gli aspetti gestionali del progetto, insieme anche alla Fondazione del Museo Bodoniano.

Bodoni 30x30_25-06testoTracciati:Bodoni 30x30Tutte le istituzioni, che hanno lavorato fianco a fianco, nell’ambito delle diverse competenze, con l’intento comune di rendere al meglio l’atmosfera degli anni in cui Bodoni fu attivo, e di presentare gli interlocutori eccellenti a cui fu legato, le edizioni straordinarie che seppe concepire e commercializzare, per illustrare ad un pubblico più ampio possibile l’importanza dell’artista che ha reso grande la storia della tipografia italiana nel mondo.

In un contesto spettacolare quale la Galleria Petitot e i Saloni Neoclassici della Galleria Nazionale, resi ancora più suggestivi dall’allestimento di Pier Luigi Pizzi, scenografo e regista teatrale di grande fama, saranno esposti i raffinati volumi bodoniani e le testimonianze dell’intero processo di realizzazione e di commercializzazione di capolavori che, per contenuto come per qualità di stampa, erano contesi da corti, accademie, biblioteche e intellettuali dell’Europa a cavallo tra Sette e Ottocento. Il ricorso all’utilizzo di strumenti multimediali permetterà di comprendere appieno quanto radicale sia stata la sua “rivoluzione” nella storia dell’arte tipografica.

Accanto alle meraviglie uscite dai torchi di Giambattista Bodoni, a rivivere in mostra è il mondo culturale, economico e istituzionale, sono le corti italiane ed europee appunto, che in Bodoni trovarono l’artigiano-artista in grado di dar forma di libro alle loro istanze, idee ed ideali, attraverso le vedute e ai ritratti dei personaggi che animarono la vita politica ed economica dell’epoca realizzati da grandi artisti, Goya, Anton Raphael Mengs, Angelica Kauffmann, Francois Gerard e i molti altri già presenti nelle collezioni ducali tra cui Andrea Appiani, Antonio Canova, Bernardo Bellotto, Robert Hubert.
Sito della mostra: www.mostrabodoni.it

Bodoni (1740-1813). Principe dei tipografi nell’Europa dei Lumi e di Napoleone
Parma, Biblioteca Palatina, Teatro Farnese e Galleria Nazionale
Palazzo della Pilotta, Strada alla Pilotta, 3
5 ottobre 2013 – 12 gennaio 2014

Orari:
Dal martedì alla domenica 9,00 – 18,00
Domenica ultimo ingresso dalla Biblioteca Palatina ore 16,30
Chiuso il lunedì
Ingresso:
Intero
6 euro fino alle ore 14
3 euro dopo le ore 14

Ridotto ai 18 ai 25 anni
3 euro fino alle ore 14
1,50 dopo le ore 14

Gratuito per under 18 e over 65 anni

Curatore: Andrea De Pasquale
Organizzatori: Fondazione Museo Bodoniano, Biblioteca Palatina di Parma, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Parma e Piacenza, Fondazione Cariparma.

Progetto allestimento: Pier Luigi Pizzi
Patrocinio: Provincia di Parma; Comune di Parma; Camera di Commercio di Parma

Main sponsor: Fondazione Cariparma

con il sostegno di Agfa, Fedrigoni, Photocity.it e di ASCOM, Centroffset, Coppini Arte Olearia – Aziende agricole, Meverin.

Sponsor tecnici: Macrocoop, Reale Mutua Assicurazioni – Agenzia Coscelli e Fornaciari.

Media Partner: Gazzetta di Parma

Ufficio Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista