Home / Art food / Bunga-bunga. Cosa significa esattamente? E com’era disegnato tra Ottocento e Novecento?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Bunga-bunga. Cosa significa esattamente? E com’era disegnato tra Ottocento e Novecento?


acquerelli

Acquerello di autore ignoto della prima metà del XIX secolo.Area culturale tedesca

 

L’espressione bunga bunga ha radici linguistiche, da noi, ottocentesche e deriva, nel periodo colonialista e dei grandi viaggi,da singolari espressioni esotiche che assunsero, trasposte nelle lingue occidentali, un’evidenza onomatopeica scherzosa, a volte sessuale e grottesca. Nell’Ottocento e nel Novecento si sedimentò, grazie a barzellette e a battute di spirito, un significante simile a festino sessuale, in cui pubblicamente si consumassero rapporti sessuali, con la sottomissione di alcuni appartenenti al gruppo stesso. L’onomatopea bunga bunga riporta a un linguaggio primordiale, che riflette la reiterazione della penetrazione.

 

acquerelli-8

Acquerello di autore ignoto della prima metà del XIX secolo.Area culturale tedesca

 

L’espressione bunga bunga, tipica della cultura indigena dell’Indonesia, è attestata nel corso del XIX secolo, in particolare nella letteratura odeporica e nella manualistica botanica – esso si lega ai fiori e alle feste indigene legate agli stessi – e diviene poi, in ambito indonesiano, il nome dell’Australia e delle usanze aborigene della stessa nazione. In questi termini se ne parla diffusamente nel 1845 nei “Diari” di Edward John Eyre così come in alcune pubblicazioni di botanica del 1851-1852, in cui pure se ne evidenzia la valenza di festival indigeno. Il termine, divenuto simile a un suono africano, è stato poi ripreso nel 1910, nell’ambito di un celebre scherzo, il Dreadnought hoax. Alcuni amici inglesi, tra i quali Virginia Woolf, si erano travestiti da principi abissini e, come alti rappresentati del governo africano, avevano ottenuto il permesso di visitare la corazzata HMS Dreadnought, una delle più potenti navi da guerra dell’epoca. Ogni volta che il comandante mostrava loro una meraviglia della nave, gli ospiti mormoravano “bunga, bunga!”.

deveria01

Achille Jacques-Jean-Marie Devéria (1800-1857), Mosca cieca

L’episodio passò alla storia come “bufala del Dreadnought” (Dreadnought hoax) e il termine divenne un popolare tormentone di quel periodo. Bunga bunga significava bello bello, ma sempre un bello che poteva avere una connotazione sessuale. Nel Novecento il termine bunga bunga passò alle barzellette. In particolare, una di queste storielle, racconta del solito esploratore che finisce nelle mani dei selvaggi. Il capo della comunità, deve punire l’intruso. Così gli chiede se preferisca la morte o il bunga bunga. Non sapendo esattamente cosa sia il bunga bunga, ma ritenendo che, comunque sia qualcosa di meno definitivo e terribile della morte, il malcapitato accetta la seconda proposta e viene sodomizzato dal gruppo, poi bruciato vivo. Per diverso tempo bunga bunga è rimasto legato al concetto di sodomia praticata da un gruppo nel corso di festino. Successivamente la connotazione di sesso punitivo, si è persa e il bunga bunga ha assunto l’idea di una festino di gruppo, che non può essere assimilata all’orgia – che presenta ritualizzazioni dionisiache e non nasce, spesso, da contesti euforici e giocosi, ma presenta una sorta di dolorosa gravezza nella liberazione del desiderio erotico –  nella quale si raggiunge una grande eccitazione. Esso, per certi aspetti, per quanto moralmente imbarazzante, è l’evoluzione di giochi erotici adolescenziali di gruppo – alcuni caratterizzati da scherzi sessuali di matrice carnevalesca – , che però  non presuppongono lo stato di alterazione provocato dalle droghe, ma un’euforia diffusa, alimentata della cena, dal vino, da discorsi e spettacoli piccanti, dalla presenza di donne molto disinibite, che hanno il compito di “aprire i giochi”, varcando il confine del “lecito sociale”, come del resto, avveniva – e le immagini  qui sopra, disegnate e dipinte nei primi decenni dell’Ottocento, in area tedesca, sono molto eloquenti – anche nei secoli passati, come nell’Ottocento.

Come ben sappiamo, il termine reiterato bunga bunga è stato utilizzato nei processi a Silvio Berlusconi, relativamente ad alcuni ricevimenti particolari che egli avrebbe promosso e rilanciato da giornali e tv, per l’estrema volgarità basica dell’espressione, nell’azione mediatica nei confronti di Berlusconi.

Izvrasaki-4

Izvrasaki, 130 circa

izvrasaki-3

Izvrasaki, 130 circa

Tom Sargent, 2003

Tom Sargent, 2003

Tom Sargent 1

Tom Sargent, 2003

Tom Sargent, 2003

Tom Sargent, 2003

ACCEDI GRATUITAMENTE, CLICCANDO SUL LINK AZZURRO, ALLA NOSTRA RICCHISSIMA RACCOLTA DI STUDI E SAGGI DEDICATA AD ARTE ED EROS

foto 10

 

 

 

 

 

 

www.stilearte.it/category/arte-eros/

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video