Home / News / Camilla Franzoni, il multiquadro e le combinazioni positive della crisi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Camilla Franzoni, il multiquadro e le combinazioni positive della crisi

Camilla Franzoni - categoria over 25, Multiquattro #0, 2012, olio su tasselli in legno mobili, inseriti in barre metalliche a sezione circolare, all'interno di una struttura lignea autoportante, cm. 50 x 50

Camilla Franzoni – categoria over 25, Multiquattro #0, 2012, olio su tasselli in legno mobili, inseriti in barre metalliche a sezione circolare, all’interno di una struttura lignea autoportante, cm. 50 x 50

CAMILLA FRANZONI è stata tra i finalisti del Premio Nocivelli

Categoria Over 25 – Sezione Pittura – Opera: Multiquadro #0

www.premionocivelli.it/artista/camilla_franzoni

 

Parla l’artista. ” L’idea del “multiquadro” nasce contestualmente alla situazione che il mondo occidentale sta vivendo ormai da anni: la crisi.

Diversamente da quanto si tende a credere, la crisi non è un momento totalmente negativo, ma al contrario ha un potenziale enorme, poiché non solo  permette, ma talvolta persino costringe al cambiamento, alla riflessione, al miglioramento. È quindi un periodo di grande fervore ed entusiasmo per chi è in grado di coglierne il valore e gli artisti dovrebbero essere tra i primi a interpretare e rielaborare la realtà che li circonda.

Allora perché non avere un’opera d’arte che rappresenti questa riflessione: che possa soddisfare un bisogno di cambiamento, di movimento, di variazione e per questo riesca ad essere sempre diversa, molteplice nella sua unità? Perché non possedere centinaia di opere, tutte racchiuse in un unico telaio? E sentirsi al contempo parte determinante dell’opera stessa?

Così nasce il concetto di “multiquadro”: un telaio quadrato in cui si iscrivono un numero variabile di tasselli forati, sempre di forma quadrata, infilati su barre orizzontali a sezione circolare, sulle quali possono ruotare liberamente di 360°. Da un punto di vista puramente matematico, ciascun tassello può assumere un numero infinito di posizioni e la moltiplicazione dei tasselli non è altro che una moltiplicazione delle infinite combinazioni ottenibili da quest’unica opera. Ne scaturisce un’opera d’arte che racchiude in sé un numero infinito di opere e che interagisce con il fruitore, o meglio viene determinata da questo, diventando  uno strumento da esperire e manipolare. Il movimento indotto dall’osservatore è quindi parte integrante del “multiquadro” e quella che potrebbe sembrare una trovata giocosa si rivela invece una meditazione sulla labile soglia tra finito e infinito, e sulla natura ambigua e complessa dell’oggetto estetico, che, da entità conchiusa, si tramuta in campo di molteplici possibilità.

Come spesso accade nell’arte, da un concetto iniziale pragmatico, concreto, attuale si sviluppano idee che travalicano lo spazio e il tempo, diventando uno spunto di riflessione matematica, filosofica e persino teologica. L’unità che racchiude in sé l’infinito. Quell’entità che sembra essere così aliena dalla nostra percezione, è invece immanente alle cose”.

 

IL REGOLAMENTO, IL MONTEPREMI E LE OPPORTUNITA’ OFFERTE DAL NUOVO BANDO DEL PREMIO NOCIVELLI. CLICCA QUI SOTTO

http://www.premionocivelli.it/home.pag

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA MI PIACE

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica