Home / Aneddoti sull'arte / Carità filiale. La figlia allatta il padre
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Bartolomeo Manfredi, La Carità, part
Bartolomeo Manfredi, La Carità, part

Carità filiale. La figlia allatta il padre



La tradizione figurativa italiana, che non di rado ha tratto ispirazione dal corposo bagaglio culturale lasciato in eredità dall’antichità classica, trova nel tema della Carità romana una generosa fonte a cui  attingere.

La vicenda, ripresa dallo storico latino Valerio Massimo in uno dei suoi scritti, il De Factis Dictisque Memorabilibus – Libro IX, ha per protagonisti l’anziano Cimone e la virtuosa Pero. Secondo la leggenda quest’ultima, essendo il padre agli arresti, condannato a morire per fame, si reca di nascosto alla prigione per nutrirlo con l’unico mezzo possibile, il latte del proprio seno. Ed ecco il lieto fine: un carceriere, dopo aver scoperto il fatto, lo comunica al comandante il quale, commosso, rilascia il vecchio.

Pieter Paul Rubens, La Carità romana.  In questo quadro Pero osserva amorevolmente il volto del padre, mentre lo aiuta a bere il latte dal proprio seno. Si tratta di una particolarità: di solito, infatti, la giovane è ritratta con lo sguardo indirizzato all’esterno del campo visivo, come nel caso del dipinto di Manfredi, tesa a percepire l’imminente ritorno del carceriere

Pieter Paul Rubens, La Carità romana.
In questo quadro Pero osserva amorevolmente il volto del padre, mentre lo aiuta a bere il latte dal proprio seno. Si tratta di una particolarità: di solito, infatti, la giovane è ritratta con lo sguardo indirizzato all’esterno del campo visivo, come nel caso del dipinto di Manfredi, tesa a percepire l’imminente ritorno del carceriere


E’ tra il XVII e il XVIII secolo che questo soggetto ha la sua massima diffusione in pittura. Italiani prima e fiamminghi poi si appassionano al tema e lo esplicitano sulla tela, filtrandolo ognuno con la propria sensibilità. Non mancano i nomi illustri, da Caravaggio (1571-1610), che lo inserisce nelle Sette opere di misericordia, a Rubens (1577-1640); Vermeer (1632-1675), da parte sua, raffigura ne La lezione di musica un piccolo dipinto appeso alla parete, opera nell’opera, omaggio alla vicenda di Pero e Cimone.

Le esecuzioni di questi artisti – ai quali è possibile aggiungere Jan Janssens (1590-1650 circa), Charles Mellin (1597-1649), Gian Domenico Cerrini (1609-1681), Dirck van Baburen (1595-1624), e in particolare Bartolomeo Manfredi (1582-1622) – sono connotate da aspetti comuni. Il momento scelto è quello dell’allattamento del vecchio, teso alla disperata ricerca del niveo liquido, sinonimo di vita. L’arsura provocata dalle terribili privazioni è espressa con violenza dall’uomo, che in ogni suo gesto sprigiona un insopprimibile desiderio di resistere alla morte e si getta senza esitazione, con ogni stilla di energia rimastagli in corpo, verso il salvifico grembo filiale.

Caravaggio, Sette opere di misericordia, particolare

Caravaggio, Sette opere di misericordia, particolare

La donna, invece, è sempre raffigurata con lo sguardo rivolto in direzione di un punto esterno alla scena, intenta a percepire ogni più piccolo indizio circa il ritorno degli aguzzini. Tensione e ansia sono le sue caratteristiche peculiari: solamente nel quadro di Rubens i timori della ragazza sembrano dileguarsi, sostituiti da una sconfinata tenerezza trasmessa nel contatto visivo stabilito con il volto del genitore.

Una nota a sé merita La Carità romana di Manfredi, che stupisce per la naturalezza delle pose e l’attenzione ai dettagli, particolarmente esplicitata dalla cura con la quale sono rappresentati i polsi di Cimone, gonfi per le catene, e il disordine dei suoi capelli, umidi e sporchi a causa delle avverse condizioni cui il vecchio è costretto. Una lezione che si rifà a Caravaggio ma che, al tempo stesso, sembra proiettata al futuro, in una dimensione che troverà compimento con le opere di Velázquez (1599-1660).


Bartolomeo Manfredi, La Carità

Bartolomeo Manfredi, La Carità romana

x

Ti potrebbe interessare

a pornopitocchetto

Che fai, ragazza con quella mano? Il Porno-Pitocchetto e dintorni nel Settecento contadino

a copertina

Franco Bocchi, disegni erotici di fuoco e di gioia. Le immagini