Home / arte curiosità (pagina 3)

arte curiosità

Amore, arte e tradimento. Chi era Olga, la danzatrice che restò per sempre la signora Picasso

Lui e Olga, nonostante Picasso si fosse fisicamente staccato da lei, restarono sposati. Fu lei ad essere Madame Picasso, fino alla morte, avvenuta nel 1955. Ma chi era questa bella signora dall'espressione malinconica? Figlia di un colonnello, Olga Khokhlova era nata nel 1891 a Nizhyn, una città ucraina dell'Impero russo. Nel 1912 entrò nella compagnia prestigiosa e innovativa dei Balletti Russi guidata da Serge Diaghilev. Nella primavera del 1917 incontrò Pablo Picasso, mentre l'artista stava preparando, su invito di Jean Cocteau, scene e costumi per il balletto Parade. La ragazza lasciò poi il gruppo, per viaggiare in Sudamerica e, successivamente, per convivere con Picasso a Barcellona

Leggi Articolo »

Lucian Freud, è stato un funerale ad ispirare il suo percorso artistico

Certo, quel funerale risulta determinante per la formazione di Lucian. Il pesante trucco utilizzato per dissimulare i segni della morte dal volto del defunto, quasi “una parodia del ritratto pittorico”, colpisce con forza la sua immaginazione. Freud comincia a distorcere, ad aggredire la figura umana: l’indagine psicologica si sostituisce alla pura descrizione dei personaggi, rappresentati nel loro decadimento fisico

Leggi Articolo »

Marco e Sebastiano Ricci, quei pittori rissosi, irascibili, donnaioli e avvelenatori

Marco Ricci (1676-1730), vedutista e paesaggista, è giustamente ritenuto un estroso innovatore dell'arte veneta, precursore di Canaletto - che ne interiorizzò la poetica con soluzioni inizialmente analoghe - e di Francesco Guardi, che giunse persino a ricalcarne le immagini. Ma la  storia insegna che sovente la genialità ha il retrogusto amaro della sregolatezza. Le fonti offrono un quadro piuttosto fosco del carattere , come attesta il ricordo di Temanza: "In sul bollor degli anni suoi era  uomo rissoso e dato alla cattiva vita, nè si vergognava di frammischiarsi nella taverna alla vile plebaglia". E la sua carriera fu certamente segnata dall'irascibilità

Leggi Articolo »

La moda nell’arte – Gli abiti del Quattrocento – Testimonianze di Piero della Francesca

Quando i grandi pittori raccontano la moda. Nel ’400 tramonta il Gotico fiorito, contrassegnato da abiti di lussureggiante ricchezza ornamentale, e si afferma la tendenza a vestire all’insegna di un’armoniosa sobrietà. La parola d’ordine è: bando a ciò che contrasta con la forma naturale. Piero della Francesca è il cronista-testimone di questo snodo cruciale della storia del costume

Leggi Articolo »

Il pittore Caravaggio tra Bergamo e Milano, le foto di tutti i luoghi dalla nascita alla giovinezza

Immagini e ricostruzione fotografica del periodo più oscuro di Michelangelo Merisi, dalla nascita all'apprendistato nella bottega milanese di Simone Peterzano. Il futuro artista venne alla luce a Milano, ma fu trasferito, da bambino, a Caravaggio, presso la casa del nonno amatissimo, che fu per il bambino una guida straordinaria. Nella cittadina bergamasca frequentò, a livello parrocchiale, le scuole fino all'età di 14 anni. Poi tornò a Milano, dove inizò la formazione artistica

Leggi Articolo »

Chi ha visto quel Moretto? I capolavori da cercare nelle vecchie soffitte

Chissà quante volte si è fantasticato di frugare in soffitta e ritrovarsi fra le mani il dipinto di un grande maestro. E se il quadro appeso nel salotto buono di famiglia fosse un’opera autentica di un pittore del Cinquecento come Alessandro Bonvicino, detto il Moretto? A giudicare dal numero di dipinti ascrivibili al noto pittore, la cui collocazione risulta attualmente ignota, possiamo se non altro continuare a cercare (e a sperare...)

Leggi Articolo »

Le mille opere disperse di Vincent Van Gogh. Cercatele! Come? Nell’articolo

La lettura e l'analisi di tutte le lettere che Vincent inviò al fratello Theo Van Gogh consentono di conoscere l'esistenza di quadri e disegni del grande maestro che sono andati perduti. Non solo per cataclismi, come la guerra, ma per la superficialità con la quale le opere di Van Gogh furono valutate dai contemporanei, incapaci di comprendere la grandezza del pittore. Ma i dipinti furono gettati? Tutti, è impossibile. Così è lecito supporre che qualche inedito possa tornare alla luce. La ricostruzione dei materiali perduti

Leggi Articolo »

I falsi nell’arte contemporanea e del Novecento. Le tecniche più diffuse, come premunirsi

Per quanto tutto risulti falsificabile, è da notare il fatto che, per le opere contemporanee, si tendono a considerare di rilievo dirimente i passaggi di proprietà e, soprattutto, se esiste, una prova di vendita dal gallerista del pittore o dal pittore stesso al primo cliente. Passaporto facilitato per quei dipinti che vennero acquistati dal primo proprietario nel corso di una mostra dotata di un catalogo nel quale appaia l'opera in questione e risulti una ricevuta di vendita di quell'opera stessa. I CAPITOLI DI "COME GUADAGNARE CON L'ARTE" PROSEGUONO NELLE PAGINE SUCCESSIVE, ALLE QUALI SI ACCEDE CLICCANDO SUI NUMERI PROGRESSIVI, POCO QUI SOTTO.

Leggi Articolo »