Home / Notizie in breve

Notizie in breve

Francesco Hayez – Disegni erotici e torride confessioni dell’amante Carolina

HAYEZ SEX COPERTINA

Le opere erano conservate a Torino dalla famiglia Zucchi. Realizzati da Francesco Hayez (Venezia, 1791 - Milano,1882) nel decennio compreso tra i suoi trenta e i quarant'anni e donati alla sua giovane modella e amante, Carolina Zucchi, i disegni erotici dell'artista ottocentesco sono di qualità tecnica elevatissima e di un'estrema verità. Realizzati tra il 1822 e il 1830, le opere si contraddistinguono per pochi tratti, sicurissimi di matita nera su carta velina

Leggi Articolo »

Almery Lobel-Riche: l’eros dolcissimo, travolgente e sublime che non ha tempo (1930)

almery cop

Tra classicismo manierista - derivato da Giulio Romano e Raimondi -. la leziosità rocaille del Settecento francese e il bagno torrido neo-romantico di Zichy, il francese Almery Lobel-Riche offre splendide tavole disegnative, realizzate attorno agli anni Trenta, tutte rivolte a un realismo descrittivo, dolce e trascinante ad un tempo. Quale messaggio traspare da questi raffinatissimi, seppur spericolati, disegni?

Leggi Articolo »

Gillo Dorfles, a 106 anni scrive un libro. A 104 fa una mostra. Storia di un uomo prodigioso

L'orecchio di Dio, 1996, acrilico su tela, 180 x 200 cm

Lo stesso artista ammette di non mirare fin d’allora a qualcosa di preciso, ma di interessarsi a simboli preesistenti, come la croce, la luna, il sole, forme archetipe particolarmente suggestive cui fa ricorso in modo del tutto occasionale. Da subito la sua pittura – definita “organica” e “vagamente surreale” – risulta slegata da qualsiasi schematismo geometrico e dalle regole precostituite di uno sterile astrattismo

Leggi Articolo »

Omar Galliani, sentire la donna. Opere immense e seducenti realizzate a matita. Il video

a galliani copertina

Nato nel 1954 a Montecchio Emilia, dove vive e lavora, Omar Galliani si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Bologna e insegna pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera. L'artista non è soltanto dotato di un grande tecnica, ma i una notevole sensibilità poetica.Dalle Biennali alle mostre personali in tutto il mondo.

Leggi Articolo »

Clara Rockmore, protagonista del doodle di Google, suonava senza toccare lo strumento. Ascoltiamola

clara

Clara Rockmore nata Reisenberg (Vilnius, 9 marzo 1911 – New York, 10 maggio 1998) è stata una musicista lituana, considerata la maggior thereminista della storia.Clara Rockmore. A lei è dedicato il doddle di Google del 9 marzo 2016. Il theremin è uno strumento musicale elettronico, il più antico conosciuto che non preveda il contatto fisico dell'esecutore con lo strumento. Fu inventato nel 1919 dal fisico sovietico Lev Sergeevič Termen (noto in Occidente come Léon Theremin o Theremine) e si basa su oscillatori che, lavorando in isofrequenza al di fuori dello spettro udibile, producono, per alterazioni delle loro caratteristiche a seguito della presenza delle mani del musicista nel campo d'onda, dei suoni sul principio fisico del battimento, questa volta nel campo delle frequenze udibili

Leggi Articolo »

Avremo visi sempre giovani come statue, senza lifting. Università scopre enzima

bellezza copertina

La scoperta, pubblicata dal Journal of Investigative Dermatology. E' la riduzione della produzione di un enzima, chiamato Complex II, a produrre l'invecchiamento della pelle. Un meccanismo ad "orologeria" che varia da individuo a individuo, ma che inizia a proiettare la persona nella vecchiaia, togliendole, ad esempio, nel caso delle donne, gli elementi più appariscenti legati alla fertilità.

Leggi Articolo »

Scopri la Madonna velata

vergine velata copertina

La Madonna velata fu scolpita in marmo di Carrara dallo scultore italiano Giovanni Strazza (1818-1875) a Roma.La statua è stata trasportata a Terranova, in Canada, nel 1856, come registrato il 4 dicembre nel diario del vescovo John Thomas Mullock : "Ho ricevuto da Roma una bella statua della Beata Vergine Maria in marmo, da Strazza. (...) Si tratta di un gioiello perfetto di arte"

Leggi Articolo »

Grand Hotel Budapest, dipinti degli anni Trenta raccontano cosa avveniva dietro le quinte

hotel budapest copertina 1

Il fascino signorile, distaccato della "personalità" dei Grand Hotel, quella distanza che appare assoluta dalle cose ordinarie del mondo, nascondeva, specie negli anni Trenta, l'esplosione, dietro le quinte di passioni assolute. Nel film Grand Hotel Budapest, l'attività consolatoria che il direttore esercitava nei confronti di un esercito di signore e gli strani ritmi di vita d un grande edificio all'apparenza immoto, hanno aperto uno squarcio poetico su questi luoghi. Ma già negli anni Trenta, epoca del massimo fulgore di queste gigantesche raffinate, c'era chi coglieva pittoricamente e disegnativamente tanti vizi privati dietro pubbliche virtù

Leggi Articolo »