Home / Il sesso nell’arte (pagina 37)

Il sesso nell’arte

Quando Ingres ispirava i sogni proibiti della buona società borghese

Il dipinto dà una visione di un gineceo poco vicina al vero, trasformandolo in un luogo idealizzato in magnifiche schiave che si radunano con l’unica preoccupazione di soddisfare il piacere del padrone. In realtà il termine “harem” indica semplicemente lo spazio in cui si svolge la vita familiare. Tutto nasceva da un imprintin sessuale legato alla scelta della "schiava" nei postriboli. L'iniziazione all'eros avveniva purtroppo, per molti, nelle "case chiuse" che riecheggiano nelle fantasiose rappresentazioni degli harem orientali

Leggi Articolo »

28mila dollari per la doppia foto (Sylvia vestita e nuda) scattata da Newton a Brescia

Attendiamo quella foto di Helmut Newton. Sylvia nuda e Sylvia vestita. Per il naturalismo dell'immagine; per il volto e il corpo di una modella che ancora provava, nel primo anno di attività, un senso di pudore e di disadattamento; Helmut Newton scelse una villa - qualcuno dice che la foto fu scattata a villa Wuhurer, nel Bresciano - mentre è sicura la collocazione geografica e temporale: Brescia, 1981. Passano le immagini degli Dei e dei grandi gladiatori della fotografia. Mapplethorpe supera agevolmente le stime. Clienti di tutto il mondo si contendono con rialzi continui una fotografia storica, una fotografia da antologia, stampata come si faceva una volta, in autentiche camere scure: gelatina d'argento.

Leggi Articolo »

Il Figliol prodigo nell’iconografia – Piaceri sfrenati sulla tela

La vita dissoluta del figliol prodigo, nella pittura tra Cinquecento e Seicento,  è un immaginoso prologo di peccati rispetto all’episodio evangelico nel quale viene rappresentata la grazia effusa del perdono paterno. L’episodio, che è  ben noto, ha per protagonisti un anziano e i due figli: uno virtuoso, che contribuisce alla conservazione e alla crescita della proprietà familiare, l’altro dissipatore - prodigo, appunto - che, lontano da casa, sperpera il denaro fino a cadere in rovina. Quando quest’ultimo, senza più risorse, è costretto a tornare al villaggio natio, è accolto dal padre con immensa felicità, che suscita stupore e dolore nel figlio morigerato.

Leggi Articolo »

Milo Moirè – L’arte di deporre uova colorate dalla vagina. Il video

Essa non agisce più semplicemente con il corpo, ma sul corpo, lambendo pertanto le performance della citata Abramovich attraverso esperienze che fanno pensare all'autolesionismo. Poichè la semplice nudità non bastava più, Milo ha deciso di svuotare le uova di gallina, di siringarle con colori acrilici e di inserirle nella vagina, per poi eiettarle su una carta dove si spezzano, sprizzando colore. Il foglio, terminata la perfomance viene piegato in due ottenendo un disegno informale che ricorda spesso, poichè simmetrico, l'apparato genitale femminile interno, dominato dalle ovaie, nelle tavole anatomiche

Leggi Articolo »

Le sirene nell’arte – Il significato: un simbolo che rappresenta il disastroso richiamo dell’eros

Rappresentazione del tranello mortale che ci tendono i sensi, le sirene hanno avuto una connotazione negativa nella storia dell'arte, specularmente alle credenze antiche. Sotto il profilo simbolico. essere rappresentano, almeno fino al passaggio edulcorato nella fiaba ottocentesca, che ne mutò indole, inclinazione, atteggiamento e rappresentazione - vedi Sirenetta di Copenaghen, che si ispirò alla fiaba di Andersen, in cui essa è l'incarnazione dell'amore romantico -, il tranello mortale teso dalla donna, con la propria voce dolce e suadente e con il proprio corpo, nei confronti dell'uomo

Leggi Articolo »

Marcantonio Raimondi. Quotazioni e storia dell’incisore che andò in prigione per oscenità

Intorno al 1524 , Marcantonio fu brevemente incarcerato da papa Clemente VII per la produzione di stampe erotiche, I Modi, tratti dai disegni di Giulio Romano e successivamente completate dai sonetti dell'Aretino. Marcantonio Raimondi trascorse  il periodo di formazione  nelle botteghe di Francesco Squarcione e di Francesco Raibolini , detto il Francia. La sua prima produzione datata, completata nel 1505 , illustra la storia di Piramo e Tisbe .Non interruppe comunque l'attività artigianale. Fu infatti uno specialista nella realizzazione del niello, cioè quell'incisione nell'oro nell'argento, che viene resa evidente con il riempimento del tracciato, attraverso materiale nero

Leggi Articolo »