Home / Impressionismo

Impressionismo

Gauguin e la neve. L’abbandono dell’impressionismo, la scelta simbolista

Paul Gauguin dimostra la svolta che egli compie rispetto ai propri precedenti impressionisti. Le linee di chiusura, simili a quelle del disegno aumentano; quanto un'idea, in questo caso, fiabesca o favolosa. E' l'aura immateriale che l'artista cerca nel soggetto, evitando di dipingere da vero, ma realizzando le proprie opere in studio, senza l'ossessione dell'esattezza fotografica

Leggi Articolo »

Meraviglia. Apri l’articolo. Ingrandisci, ingrandisci ed entra nel paesaggio di Sisley

Le pont de Moret. Effetto mattino, venduto da Sotheby's per 2 milioni e 900mila dollari, è un olio su tela dipinto da Sisley nel 1891, con una pittura più compatta, rispetto alle opere del periodo precedente, ripensamento e stabilizzazione del pensiero impressionista. Moret-sur-Loing è un comune francese che oggi ha 4.526 abitanti ed è situato nel dipartimento Senna e Marna, nella regione dell'Île-de-France. Qui Sisley trascorse gli ultimi anni della sua vita e qui fu sepolto

Leggi Articolo »

Un mix straordinario di culture visive, così nacque il genio esplosivo di Sargent

La mostra John Singer Sargent: Portraits of Artists and Friends , organizzata dal National Portrait Gallery di Londra, in collaborazione con il Metropolitan Museum of Art di New York (fino al 4 Ottobre 2015) è stata sovvenzionata dal Fondo di Marguerite and Frank A. Cosgrove Jr., splendidamente corredata da un catalogue raisonné curato da Richard Ormond e Elaine Kilmurray, un eloquente apparato di immagini a colori pubblicato da Skira Rizzoli

Leggi Articolo »

Claude Monet: cosa c’è di strano in questo quadro splendido del maestro francese?

Monet trascorse l'estate del 1867 con la sua famiglia a Sainte-Adresse, una località balneare vicino a Le Havre. Fu lì che mise in posa il padre - l'uomo seduto, che indossa un cappello Panama - e altri parenti. Da notare un altro particolare. L'artista dipinse la scena, restando su una terrazza anteriore dell'albergo. In questo mutamento del punto di vista - contro la centralità prospettica della tradizione occidentale - reso omaggio alla pittura giapponese, in quegli anni in grande auge. Anche se un quadro non ancora totalmente impressionista, Monet lo espose alla quarta mostra impressionista del 1879 come Jardin à Sainte-Adresse

Leggi Articolo »

Nubi e nuvole nell’arte – Nei quadri indicano i cambiamenti della visione del mondo

Il tratto filosofico che domina l’ampio segmento d’ogni epoca incide in maniera vincolante nell’ambito della rappresentazione; e l’indicatore del cielo - come elemento scenografico maggiore, dotato del potere di irradiare luce e di permeare ogni angolo del dipinto - gioca un ruolo centrale nel delineare gli snodi del pensiero

Leggi Articolo »

Renoir fu impressionista? Perché 5 decenni furono dimenticati?

Auguste Renoir è sorprendentemente noto solo per 10 anni di carriera, tra sei decenni di attività. Perché la storia dell'arte ha oscurato tanti capolavori? Picasso stesso non si ingannava, preferendo raccogliere, come collezionista, opere l'ultimo periodo del pittore, anche se quei lavori era evitati dai critici del tempo. Il motivo? Si scelse il punto in cui Renoir fu più vicino all'Impressionismo di Monet; e non si comprese che, sin da subito, il pittore sentiva l'impressionismo a modo proprio, non come una vocazione totalizzante, ma come uno snodo fondamentale seppur transitorio

Leggi Articolo »

Perchè i macchiaioli furono annientati dagli impressionisti?

Con la celebre frase “Buonanotte, signor Fattori!” Roberto Longhi sanciva la “condanna” dell’Ottocento italiano. Eppure i Macchiaioli non furono inferiori ai colleghi Impressionisti. Pagarono cara, semmai, la perduta centralità in ambito artistico del nostro Paese rispetto alla Francia. Oggi, rivalutarli è un dovere condiviso

Leggi Articolo »

Come Monet, per far vibrare le sue tele, inventò il linguaggio stenografico della luce

La domanda, dalla quale possiamo intuire una risposta nelle modalità di stesura dei dipinti del periodo immediatamente successivo al 1874, anno della prima mostra impressionista: è possibile instaurare un rapporto tra i progressi, la diffusione e il grafismo della stenografia e la convulsa, sincopata raccolta di energie e frasi luminose della natura nella sintesi compiuta da Monet. La scrittura rapida e sintetica della stenografia contribuì a suggerire al maestro modalità diverse di captare e di restituire all'osservatore il brulichio della moltitudine dei fenomeni luminosi? monet albero luce 2

Leggi Articolo »

Lo stile di Monet. Capire in pochi secondi

Ciò che differenzia i pittori impressionisti dai pittori accademici della fine dell'Ottocento è una maggiore sintesi - pennellate più rapide, minor stesure sovrapposte, minori dettagli a fuoco - e un'attenzione profonda a quello che un tempo era considerato un bozzetto e che loro presentano come opera finita, ponendo molta cura nell'osservazione della luce e dei valori atmosferici e cromatici e all'attimo che fugge. Sostanzialmente lo scandalo impressionista - perchè inizialmente fu tale - fu quello di esporre un appunto visivo come un'opera finita

Leggi Articolo »