Home / News / Cézanne il veneto. Così il maestro francese guardò alla genialità dei veneziani
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Cézanne il veneto. Così il maestro francese guardò alla genialità dei veneziani


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995
Schermata 2015-02-04 a 12.07.48
La modernità della pittura veneta, con la dissoluzione progressiva dei canoni ancorati alla fissità del disegno e all’ispirazione alla statuaria, costituì per gli impressionisti e per Cézanne un punto di riferimento imprescindibile. Quali erano le affinità tra i francesi della fine del XIX secolo e i veneti del XV? Da un lato l’uso della pittura tonale dall’altro il colorismo, cioè la capacità di giungere a soluzioni espressive finali senza un disegno preparatorio troppo vincolante; dall’altro, ancora, un’osservazione acuta del lato del presente e della realtà. Anche Cézanne, che marca progressivamente la propria distanza dalla matrice impressionista, andando in direzione di una pittura strutturale che avrebbe caratterizzato le scelte dell’avanguardia e l’intera arte novecentesca, si misurò con i maestri veneti. Vediamo come e perchè.

Clicca sul link per aprire il PDF:

Cèzanne il veneto

STILE MAGGIO 2008

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico