Home / Mostre in Italia / Charles Pollock. Una retrospettiva | L’approfondimento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Guggenheim Collection

Charles Pollock. Una retrospettiva | L’approfondimento

Charles Pollock. Una retrospettiva
Dal 23 aprile al 14 settembre 2015
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia
curatori David Anfam, Senior Consulting Curator, Museo Clyfford Still, Denver


a cura di Caterina Stringhetta (www.theartpostblog.com) per StileArte Venezia

Fino al 14 settembre 2015 a Venezia è possibile visitare la più esaustiva retrospettiva mai realizzata su Charles Pollock, fratello maggiore del celebre genio dell’Espressionismo astratto americano Jackson Pollock, e come promesso nel post in cui vi ho raccontato della mia visita al Murale di Pollock, ora dedico uno spazio anche a Charles Pollock. Una retrospettiva.

Non illudetevi! Quando vedrete le opere di Charle Pollock non ritroverete il guizzo geniale di Jackson e neppure opere realizzate con la tecnica del dripping.
Nei lavori di Charles c’è tutto tranne che casualità e gesto fisico, al contrario il segno è molto controllato e ogni riga di colore è pianificata.
I due fratelli avevano caratteri completamente diversi. Tanto ribelle e impulsivo era Jackson, quanto responsabile e riflessivo Charles. Tuttavia il fratello maggiore fu sempre una guida per quello minore e lo dimostrano le lettere in cui Charles cerca di convincere l’adolescente Jackson che se crede che l’arte farà parte della sua vita allora ci sarebbe voluto molto studio.

La storia di Charles Pollock (Denver 1902 – Parigi 1988) è estremamente interessante e incarna a suo modo un “secolo americano”. Maggiore dei cinque figli di LeRoy e Stella Pollock, che furono due genitori fuori dal comune e che incoraggiavano i loro bambini allo studio e all’impegno politico.
Il padre cambiò molti mestieri e fu agricoltore, tagliapietre, muratore e molto altro, la madre invece era una sarta e una tessitrice. I Pollock erano una famiglia modesta, ma privi di pregiudizi e vivevano in ambienti dove non si percepivano le differenze razziali e di classe, sentendosi a loro agio tra i lavoratori di colore e persone appartenenti ad altre religioni.
La cosa che colpisce di più guardando le foto di famiglia e leggendo le lettere esposte in mostra è che i fratelli Pollock vissero in una famiglia molto unita, in cui vigeva cuna specie di regola non scritta, ovvero quella di sostenersi incondizionatamente.
Charles va a vivere a New York nel 1926, dove studia arte con Thomas Hart Benton, e nel 1930, insieme al fratello Frank, convince il più giovane Jackson a raggiungerli.
Nel 1935-‘36 lascia New York per trasferirsi a Washington, DC, dove lavora per la Resettlement Administration, agenzia federale legata al New Deal, scelta questa che lo allontana da quel gruppo emergente di artisti avanguardisti newyorkesi, che stava portando il fratello Jackson alla scoperta di un nuovo tipo di arte. Dopo un periodo come insegnante di design e tipografia in Michigan alla fine degli anni ‘40, nel 1950 realizza il suo primo grande dipinto astratto Fuochi d’artificio. Nel 1956 produce il primo sostanzioso corpo di opere astratte, la serie Chapala, ispirata a un lungo soggiorno sul lago Chapala in Messico.
Tra il 1962-’63 si prende una pausa dall’insegnamento e viaggia in Europa. Fu il primo dei fratelli Pollock a recarsi nel vecchio continente!
Scopre i grandi maestri classici dell’arte italiana e conosce artisti e realizza in questo periodo una nuova serie di dipinti astratti, la serie Roma. Da questo momento in poi grazie a numerose mostre, a un corpo sempre maggiore di opere, e all’amicizia con diversi artisti, Charles si lega movimento avanguardista conosciuto poi come Color-field, caratterizzato da una pittura a campi di colore molto estesi su tele di canapa, quell’avanguardia da cui si era distaccato qualche decennio prima.
Charles Pollock continua a dipingere campi di colore astratti anche dopo il suo trasferimento a Parigi nel 1971, dove trascorrerà il resto della sua vita, fino al 1988, anno della sua scomparsa.

La mostra è l’occasione unica di ammirare opere mai esposte prima, e attraverso lettere, riproduzioni fotografiche e bozzetti documenterà lo stretto rapporto tra Charles, Jackson, e gli altri membri della famiglia Pollock, prima della seconda guerra mondiale, in una luce intima e privata.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico