Home / Arte contemporanea / Christo, lago d’Iseo – Tutto sulle passerelle, sull’artista. Info sempre aggiornate
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

“The Umbrellas, Joint Project for Japan and USA”, 1991, matita, carboncino, pastello, matita colorata, dati tecnici, mappa aerea topografica, pittura a smalto e campione di tessuto. Collezione privata. Foto: Wolfgang Volz. © Christo 1991
“The Umbrellas, Joint Project for Japan and USA”, 1991, matita, carboncino, pastello, matita colorata, dati tecnici, mappa aerea topografica, pittura a smalto e campione di tessuto. Collezione privata. Foto: Wolfgang Volz. © Christo 1991

Christo, lago d’Iseo – Tutto sulle passerelle, sull’artista. Info sempre aggiornate

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

 

 

SALVA QUESTO ARTICOLO. PER SEGUIRE PERFETTAMENTE OGNI FASE DEL PROGETTO E ACCEDERE ALLE INFORMAZIONI, SEMPRE AGGIORNATE, SULLE MODALITA’ DI ACCESSO E SU OGNI ALTRA INIZIATIVA, SALVA QUESTO ARTICOLO PER POI CONSULTARLO QUANDO TI SERVIRA’ OPERATIVAMENTE PER ORGANIZZARE UNA VISITA AL LAGO D’ISEO, CAMMINANDO SULLE PASSERELLE DI CHRISTO. L’ARTICOLO SARA’ SEMPRE AGGIORNATO PER OFFRIRTI GRATUITAMENTE UN SERVIZIO UNICO

 

CHRISTO - THE FLOATING PIERS (PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY) Drawing 2014 in two parts 15 x 96" and 42 x 96" (38 x 244 cm and 106.6 x 244 cm) Pencil, charcoal, pastel, wax crayon, enamel paint, hand-drawn map, cut-out photographs by Wolfgang Volz, fabric sample and tape Photo: André Grossmann © 2014 Christo Ref. # 2-2014

CHRISTO – THE FLOATING PIERS
(PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY)
Drawing 2014 in two parts
15 x 96″ and 42 x 96″ (38 x 244 cm and 106.6 x 244 cm)
Pencil, charcoal, pastel, wax crayon, enamel paint, hand-drawn map, cut-out photographs by Wolfgang Volz, fabric sample and tape
Photo: André Grossmann
© 2014 Christo
Ref. # 2-2014

 

L’ULTIMO PROGETTO SUL LAGO D’ISEO

CHRISTO - THE FLOATING PIERS (PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY) Collage 2014 15 1/4 x 13 7/8" (38.7 x 35.2 cm) Pencil, wax crayon, enamel paint, photograph by Wolfgang Volz, technical data, fabric sample and tape Photo: André Grossmann © 2014 Christo

A SINISTRA VEDETE UN CAMPIONE DELLA STOFFA CHE COPRIRA’ LA STRUTTURA GALLEGGIANTE. CHRISTO – THE FLOATING PIERS
(PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY)
Collage 2014
15 1/4 x 13 7/8″ (38.7 x 35.2 cm)
Pencil, wax crayon, enamel paint, photograph by Wolfgang Volz, technical data, fabric sample and tape
Photo: André Grossmann
© 2014 Christo

 

 

 

Si chiama “The Floating Piers” la gigantesca installazione progettata dall’artista Christo, la cui apertura è prevista nel mese di giugno 2016, tra le coste del lago d’Iseo, situato in Italia, tra le province di Brescia e Bergamo. Migliaia di persone potranno camminare al centro del lago, su una passerella-stuoia, per raggiungere Monte Isola, un arrotondato, enorme “dorso di dinosauro”, che sale dal centro del lago. Un’isola che è raggiungibile, normalmente, solo con barche, battelli o elicotteri. Christo interviene con un progetto di amplissime dimensioni lasciando che la parte onirica di interazione con entità paesaggistiche complesse sia il primo movente dello spettatore e dell’artista.

CHRISTO - THE FLOATING PIERS (PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY) Collage 2014 17 x 22" (43.2 x 55.9 cm) Pencil, wax crayon, enamel paint, photograph by Wolfgang Volz, map, fabric sample and tape Photo: André Grossmann © 2014 Christo

CHRISTO – THE FLOATING PIERS
(PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY)
Collage 2014
17 x 22″ (43.2 x 55.9 cm)
Pencil, wax crayon, enamel paint, photograph by Wolfgang Volz, map, fabric sample and tape
Photo: André Grossmann
© 2014 Christo

 

Ognuno ha pensato di poter camminare sulle acque, e, nel caso del lago d’Iseo, di farsi a piedi un giro sull’isoletta e sull’isola maggiore, senza dover ricorrere ai natanti. E anche quello che parrebbe un sogno invasivo, lo è solo temporalmente. Il sogno ha un’inizio e una fine. Non crea legami e impatti durevoli. Christo ha illustrato l’intervento, elaborato con la collaborazione del critico Germano Celant, al New York Times. Tutto avverrà dal 18 giugno al 3 luglio 2016.
“The Floating Piers,” è il primo progetto ideato dopo la morte di Jeanne-Claude, inseparabile collega e compagna nella vita. Il pubblico sarà in grado di camminare per quasi due miglia sull’acqua, in cima a 200.000 flottanti,  scintillanti di un color giallo dalia ottenuto con un tessuto di nylon a trama fitta. “Si sentiranno il movimento dell’acqua sotto i piedi” ha detto Christo.

“Sarà molto eccitante; un po ‘come camminare su un letto ad acqua.” “Sarete in grado di camminare per tutta la zona”, ha spiegato Christo. L’opera sarà anche visibile dalle montagne circostanti. Come la luce cambia durante il giorno, la vista della passerella cambierà, dal giallo intenso al luccicante d’oro, fino a una tinta rossastra, quand’ è bagnata.

CHRISTO - THE FLOATING PIERS (PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY) Collage 2014 22 x 17" (55.9 x 43.2 cm) Pencil, wax crayon, enamel paint, photograph by Wolfgang Volz, technical maps, fabric sample and tape Photo: André Grossmann © 2014 Christo

CHRISTO – THE FLOATING PIERS
(PROJECT FOR LAKE ISEO, ITALY)
Collage 2014
22 x 17″ (55.9 x 43.2 cm)
Pencil, wax crayon, enamel paint, photograph by Wolfgang Volz, technical maps, fabric sample and tape
Photo: André Grossmann
© 2014 Christo

 

Il critico d’arte Germano Celant, direttore del progetto di “The Floating Piers,” ha collaborato con Christo per ottenere le approvazioni necessarie. Subacquei, con squadre di muratori, accanto a scienziati e a ingegneri, a partire da dicembre 2015, caleranno 140 ancore di cinque tonnellate nelle profondità nel lago d’Iseo. Il tessuto della passerella è realizzato da un’impresa tedesca. L’installazione finale dovrebbe avere la durata di una settimana e coinvolgerà una squadra di circa 600 lavoratori. Ad ogni visitatore, Christo ha intenzione di lasciare come ricordo, un pezzo di quella stoffa.

 

COM’E’ REALIZZATA L’OPERA

 

 

In una fabbrica a Fondotoce al Lago Magiore, 200.000 ad alta densità cubetti di polietilene sono prodotte in un periodo di otto mesi prima consegnati allo stoccaggio del progetto in Montecolino, gennaio 2016 Foto: Wolfgang Volz

In una fabbrica del Lago Maggiore sono stati realizzati, su commissione di Christo,  200.000 cubi di polietilene ad alta densità. I cubi sono stati prodotti in un periodo di otto mesi. Foto: Wolfgang Volz

 

In una fabbrica a Fondotoce al Lago Magiore, 200.000 ad alta densità cubetti di polietilene sono prodotte in un periodo di otto mesi prima consegnati allo stoccaggio del progetto in Montecolino, gennaio 2016 Foto: Wolfgang Volz

I cubi di polietiline durante la produzione Foto: Wolfgang Volz

 

Presso la sede di Montecolino, lavoratori edili assemblano i moli, che vengono prodotti in segmenti di 100 metri di lunghezza e memorizzati fuori Montecolino sul lago d'Iseo, Foto: Wolfgang Volz

Presso la sede della Montecolino, sul lago d’Iseo,  lavoratori edili assemblano i moli, che vengono prodotti collegando saldamente tra loro i cubi. La composizione dell’opera è modulare. Ogni molo, lungo 100 metri, sarà collegato ad altri moli. Foto: Wolfgang Volz

 

Durante il test a grandezza naturale a Montecolino, Christo è ovviamente felice come i moli ondeggiano con il movimento delle onde, il lago d'Iseo, ottobre 2015 Foto: Wolfgang Volz

Christo durante il test sul materiale, a grandezza naturale. Questa specie di gigantesco “materasso galleggiante” sarà coperto da un tappeto antiscivolo color arancio-oro. La copertura sarà legata agli occhielli che appaiono sui lati esterni della superficie Foto: Wolfgang Volz

 

Al Setex produttore tessile, vengono prodotte 90.000 metri quadrati di tessuto giallo luccicante, Greven, Germania, agosto 2014 Foto: Wolfgang Volz

Alla Setex di Greve, in Germania, sono stati prodotti 90.000 metri quadrati di tessuto giallo luccicante, antisdrucciolo che saranno collocati sopra i moli flottanti, ma anche nei centrio storici dei paesi dai quali parte o transdita il percorso di Christo. Foto: Wolfgang Volz

 

IL SOGNO DI CAMMINARE SULL’ACQUA
L’UTOPIA DI LEONARDO DA VINCI
leonardo copertina
Le proiezioni tecniche del grande pittore, come ben sappiamo, trovarono applicazione nel futuro, come se egli avesse scritto, per immagini, un libro di fantascienza. Ma forse non ha trovato grande applicazione questo lavoro, che avrebbe dovuto consentire all’uomo di camminare sulle acque. Dotato di un costume da bagno, rigonfio come quello dei paggi, il camminatore di Leonardo usa un paio di bastoncini alla cui estremità sono legati due palloncini realizzabili con la vesciCa o l’intestino degli animali. Ai piedi sci gonfi dello stesso materiale. Camminare sulle acque non è semplice, perchè si crea uno sbilanciamento tra la parte superiore e quella inferiore del corpo.

 

COME SARA’ FINANZIATA L’OPERA

christo 11

La filosofia di Christo non è mutata dopo la morte della moglie amatissima e collega Jeanne.  In un’intevista a Stile arte, Jeanne spiegava che ogni intervento da loro realizzato è completamente autofinanziato, anche se comporta ingenti investimenti. La scelta dell’autofinanziamento equivale a quella della libertà. Non rispondere a nessuno – già sono numerosi i vincoli imposti dalle Soprintendenze o dagli enti preposti alla sicurezza. Autofinanziamento significa vendere disegni, collage, progetti degli inteventi svolti nel mondo (per le quotazioni delle opere di Christo, potete andare a fine pagina e vedere i risultati d’asta). Diceva Jeanne: “Tutti i nostri progetti sono decisi da noi, vengono dal nostro cuore e dalla nostra testa. Non accettiamo commissioni. Vogliamo lavorare in totale libertà; fare ciò che desideriamo, come e quando lo vogliamo. Questo è il motivo per cui rifiutiamo gli sponsor. Abbiamo autofinanziato tutte le nostre opere d’arte. I nostri soldi provengono dai disegni preparatori e dai collage che vendiamo a collezionisti privati, galleristi e musei del mondo intero. Con quello che ricaviamo potremmo comprare palazzi, diamanti, Rolls Royce… Oppure pagare il conto degli ingegneri e, quindi, destinarlo ad un progetto. E’ una scelta. Non abbiamo mai accettato neppure di percepire denaro per libri, cataloghi, film o per l’ingresso ad una mostra”.

 

a christo 8

Christo nel suo studio mentre lavora a un disegno preparatorio per The Floating Piers. Questa immagine è stata scattata a New York nel novembre 2015. Queste splendide tavole sono le opere d’arte che saranno acquistate dai collezionisti. Foto: Wolfgang Volz © 2015 Christo

L’ESEMPIO DI UNA VENDITA
PER IL FINANZIAMENTO

christo 1

SOTHEBYS, NEW YORK
Christo, The Umbrellas (Joint Project For Japan and USA)
Stima
80,000120,000

 

Christo, The Umbrellas (Joint Project For Japan and USA)
B.1935
i. signed and dated 1989
ii. signed, titled and dated 1989; signed and dated 1989 on the reverse
i. enamel paint, fabric, pastel, wax crayon, graphite and glue collage on paper mounted on board in Plexiglas box
ii. pastel, graphite, map and adhesive on paper mounted on board in Plexiglas box
i. 30 1/2 by 26 1/4 in. 77.5 by 66.7 cm.
ii. 30 1/2 by 12 in. 77.5 by 30.5 cm
christo 3

Le opere di Christo che giungono sul mercato sono, generalmente, progetti e disegni di land art e di mega-installazioni. Il lotto di vendita, a sinistra, comprende il disegno del progetto e il suo trasferimento di localizzazione suuna carta topografica. La carta dimostra un approccio urbanistico e architettonico all’installazione. Sulla destra vediamo il progetto realizzato, in una fotografia scattata da Christo

 

 

christo qota

Due aggiudicazioni di opere di Christo. In alto a destra, il luogo e la data dell’asta. A sinistra, l’opera in vendita. Accanto all’immagine il range delle stime base e, sotto, il prezzo al quale è stato aggiudicato il lotto


IN SINTESI LA BIOGRAFIA
DI CHRISTO E JEANNE-CLAUDE

christo e Jeanne-Claude

Christo (nato nel 1935) e Jeanne-Claude (1935-2009) hanno creato alcune delle opere più visivamente mozzafiato dei secoli XX e XXI. Dai primi oggetti oggetti avvolti e impacchettati a progetti esterni monumentali come Valley Curtain in Colorado (1970-1972), in California (1972-1976), Miami (1980-93); sempre di grande rilievo il Pont Neuf Wrapped a Parigi (1975-85 ), The Umbrellas in Giappone e in California (1984-1991), Wrapped Reichstag a Berlino (1972-1995) o The Gates a Central Park di New York (1979-2005). Gli artisti hanno trasceso i confini tradizionali della pittura, scultura e architettura.
Insieme hanno cambiato il concetto di “arte pubblica” con la creazione di opere temporanee che sono veramente transitorie.
Jeanne-Claude, collega e moglie di Christo, è scomparsa nel novembre 2009, ma l’artista ha continuato il lavoro, realizzando i progetti che aveva redatto con lei. Il concetto originale per il suo ultimo lavoro in corso, Floating Piers, è stato concepito insieme a Jeanne-Claude nel 1970. Nel 2014, Christo trovato ha trovato il lago d’Iseo come luogo più stimolante per le pietre-passerelle galleggianti, che potranno essere percorse dal 18 giugno al il 3 luglio 2016. Obiettivo degli artisti è sempre stato quello di creare opere d’arte di gioia e bellezza, offerte gratuitamente alla vista di tutti.

Christo e Jeanne-Claude hanno mai accettato, né Christo accetterà in futuro, eventuali sussidi, canoni, contributi o sponsorizzazioni di alcun tipo per opere pubbliche temporanee di arte. Tutti iredditi, massicciamente investiti nei grandi progetti, derivano dalla dalla vendita di opere d’arte originali di Christo a collezionisti privati, gallerie e musei.
LA BIOGRAFIA ARTISTICA DI CHRISTO

christo 10

 

Christo, fra i maggiori rappresentanti della land art e realizzatori di opere su grande scala, è il nome di battesimo dell’artista di origine bulgara. Un nome evidentemente impegnativo, che si è poi trasformato in una sorta di griffe che unisce i suoi lavori con quelli della moglie Jeanne-Claude Denat de Guillebon (Casablanca 13 giugno 1935 – New York, 18 novembre 2009).
L’artista nasce a Gabrovo, in Bulgaria, il 13 giugno 1935, figlio di un imprenditore, Vladimir Yavachev – dal quale apprende gli aspetti organizzativi per grandi progetti – e di Tsveta Dimitrova, segretaria dell’Accademia di Belle Arti di Sofia, istituto nel quale lui studierà dal 1953. Conclude nel 1956 il percorso formativo in accademia e si trasferisce a Praga, da dove, a causa del blocco comunista, prende prima la strada per Vienna, poi per la Svizzzera e giunge, infine, a Parigi (1958) che, in quegli anni, è ancora la capitale mondiale dell’arte, nonostante il netto avanzamento di New York. Apolide, senza contatti di rilievo, si mantiene eseguendo ritratti che firma con il proprio cognome, Javacheff. Se il proprio cognome viene utilizzato per lavori su commissione, nei quali non può certamente trasfondere una propensione netta alla ricerca, per opere astratte e impacchettamenti di oggetti – tra i quali bottiglie, tavoli, bidoni e scatole – e di modelle e modelli, usa invece il proprio nome di battesimo. Nei primi anni parigini compie incontri importanti, in ambito artistico, con Arman e Yves Klein, aderendo al movimento Nouveau Réalisme. Anche la futura moglie e collega Jeanne-Claude, arriva a Parigi nel 1958. Lei è figlia di un maggiore dell’esercito francese. Ha vissuto a Berna, poi a Tunisi è si è laureata in latino e filosofia, (1952). L’incontro tra i due avviene perchè Jeanne-Claude commissiona a Christo un ritratto della madre. E in quelle circostanze, oltre a una forte attrazione reciproca, emerge un curioso dato, che sembra un gioco del destino. Entrambi sono nati nello stesso giorno, il 13 giugno 1935. Ma i due iniziano a frequentarsi più tardi, poichè Jeanne-Claude è fidanzata. Il dramma nasce dopo il matrimonio della giovane donna con Philippe Planchon. Jeanne-Claude si rende conto di essere incinta e di aspettare un figlio da Christo che, ufficialmente, frequentava la sorella Joyce. Lei confessa tutto al maritoe i due si lasciano. Il figlio dei due artisti, Cyril, nasce l’11 maggio 1960.
L’anno successivo, i due sono già al lavoro, insieme per installazioni al porto di Colonia. Nel 1961 sono a Parigi la loro prima opera monumentale: Rideau de Fer, un muro di barili d’olio che blocca rue Visconti, nei pressi della Senna, in segno di protesta contro il< muro di Berlino.
Emigrati negli Stati Uniti nel 1964, cominciano a realizzare dei progetti di ampio respiro, intervenendo in maniera diretta quanto effimera su edifici, monumenti o paesaggi interi.

I due artisti sono artefici della Land Art: intervengono sul paesaggio e lo modificano, nel loro caso in maniera provvisoria. Sono noti soprattutto per le opere realizzate con il tessuto, “imballando” monumenti o stendendo lunghi teli in luoghi naturali.

Un esempio di questo si ritrova nella loro celebre opera realizzata tra il 1972 e il 1976 denominata Running Fence. Essa consiste in una recinzione continua, tesa da Est a Ovest per quasi quaranta chilometri tra alcuni declivi della campagna californiana, a nord di San Francisco. Si tratta di una serie di ampi teloni di nylon bianco appesi a un cavo d’acciaio sorretto da oltre duemila montanti metallici che, visti dall’alto, si snodano come un serpente e attraversano valli e colline fino a perdersi all’orizzonte. Quest’opera territoriale è volutamente giocata per contrapposizioni poiché la verticalità della recinzione si oppone nettamente all’orizzontalità del paesaggio e l’artificialità del nylon contrasta con la naturalità dell’erba. Infine anche il biancore dei teli si contrappone ai sobri colori del terreno. Questa incredibile muraglia bianca assume un grandissimo valore simbolico. Quando i teli sono gonfiati dal vento, infatti, l’enorme serpente sembra quasi animarsi e per tutta la sua lunghezza risuona di un crepitare secco e sonoro. Per la realizzazione dell’intero impianto furono necessari quattro anni, ma l’opera ebbe una vita estremamente breve essendo durata solamente quattordici giorni.
Sulla produzione artistica della coppia hanno anche influito il pensiero e l’arte di Man Ray e Joseph Beuys, con particolare riferimento alle opere l’Enigma di Isidore Ducasse del primo e al Pianoforte con Feltro del secondo.
Christo è principalmente l’artista delle opere, mentre Jeanne-Claude è l’organizzatrice («Le opere destinate al pubblico sono firmate da Christo e Jeanne-Claude, i disegni da Christo»).

 

CAPIRE L’ARTISTA: L’INTERVISTA
A CHRISTO E A JEANNE-CLAUDE


Christo e Jeanne-Claude, o più ancora spesso solo Christo, è il progetto artistico comune dei coniugi statunitensi Christo Vladimirov Yavachev (Gabrovo, 13 giugno 1935) e Jeanne-Claude Denat de Guillebon (Casablanca 13 giugno 1935 – New York, 18 novembre 2009), fra i maggiori rappresentanti della land art e realizzatori di opere su grande scala. Riproponiamo l’intervista di Stile Arte agli artisti, compiuta durante un soggiorno in Italia.

 

christo e Jeanne-Claude

di Anita Loriana Ronchi e Paolo Pietta

chri31Ci interessa comprendere qual è stato il vostro percorso di formazione e, soprattutto, che tipo di arte praticavate prima di giungere a queste celebratissime operazioni di arte contemporanea?

(risponde Jeanne-Claude) La mia formazione artistica si può raccontare brevemente. Quando Christo e io ci incontrammo, a Parigi, avevamo entrambi ventitré anni. Siamo nati lo stesso giorno, alla stessa ora. Christo era già un artista, io no. Io sono diventata artista solo per amore. E’ stato Christo a farmi conoscere dapprima il Louvre, che io non conoscevo per i suoi quadri, ma per la pista di pattinaggio a rotelle. In seguito mi condusse alle gallerie d’arte moderna, d’arte contemporanea e d’avanguardia. La prima opera realizzata in coppia è del 1961. Da allora facciamo tutto insieme. (risponde Christo) Ho vissuto in Bulgaria fino al 1956. Mia madre ingaggiava professori privati per darmi lezione di disegno e pittura. Dopo le scuole elementari e la scuola preparatoria, nel 1953 entrai all’Accademia di Belle Arti di Sofia. Era una scuola conservatrice: vi si studiava architettura, scultura, pittura ed arti decorative per i primi quattro anni; poi bisognava scegliere un indirizzo. Passati i quattro anni, io non avevo ancora deciso che cosa avrei fatto. Nel 1957 completai un semestre di studio all’Accademia delle Belle Arti di Vienna.
Qual è il significato che voi attribuite, nella vostro arte, al termine “empaquetage”?
E’ una parola francese che vuol dire semplicemente “pacco”. Per noi ha lo stesso significato. L’errore comune è pensare che noi facciamo soltanto l’empaquetage. In realtà, noi facciamo anche cose completamente diverse: barriere, coperture per fiumi… Abbiamo cominciato ad “impacchettare” gli alberi nel 1966, ma di quel progetto (“Wrapped Trees” per Forest Park, Missouri, ndr) non abbiamo mai ottenuto l’autorizzazione. L’ultima volta che abbiamo deciso di fare un empaquetage è stati con il “Pont Neuf” a Parigi, nel 1975. Ma le nostre opere sono molteplici. Prendiamo la barriera di 40 chilometri che corre lungo le coste della California, realizzata nel 1976. Vi sembra forse un empaquetage? Le nostre possono essere opere urbane o opere rurali, al di fuori della città. Sempre, però, sono allestite in luoghi dove c’è la presenza di esseri umani; mai nel deserto.



Quali materiali utilizzate più frequentemente?
Tessuto, tela, alluminio… Utilizziamo stoffe industriali, fabbricate per ragioni svariate, come l’edilizia o il settore agricolo. Sono stoffe artificiali, molto più resistenti delle fibre naturali, che acquistiamo da aziende specializzate. Apportiamo solo delle piccole trasformazioni per adattarle ai nostri scopi. Per esempio, la stoffa che abbiamo usato per “impacchettare” nel 1969 la costa australiana è definita “tessuto per il controllo dell’erosione”: ha una maglia molto larga che consente la crescita della vegetazione. Viene impiegata dagli agricoltori australiani o giapponesi per proteggere la terra buona dai tifoni e dall’uragano. I fortissimi venti che spirano dall’Oceano, infatti, potrebbero portare via il raccolto e la stessa terra. Con i progetti “Running Fence” e “Valley Curtain” ci siamo serviti di un tipo di tessuto usato per fermare le inondazioni. In pratica, ogni volta si tratta di un uso differente. Inoltre cerchiamo di riciclare, per quanto possibile, tutti i materiali. Non solo stoffa, ma anche cavi d’acciaio, funi, alluminio. Fondendo quest’ultimo si ricavano oggi lattine, parti di aeroplano e altro.

Il parlamento tedesco impacchettato da Christo

Il parlamento tedesco
impacchettato da Christo

Ad un certo punto i vostri interventi diventano allestimenti architettonici: voi ridisegnate il paesaggio. In Germania nel 1998 avete utilizzato 100mila metri quadrati di tessuto, 15600 metri di cavi, 200 tonnellate d’acciaio. Come avviene materialmente in cantiere la realizzazione dell’opera? 
Allo stesso modo che in tutti i cantieri di costruzioni perché, di fatto, il nostro “è” un cantiere di costruzioni. Noi paghiamo gli specialisti, ognuno per il mestiere che sa fare. Ogni progetto ha diverse tipologie di operai. Per lavorare in mare abbiamo dovuto procurarci dei battelli speciali e dei marinai speciali. E’ molto diverso, ad esempio, dal progetto “The Umbrellas” o dal progetto del “Wrapped Reichstag”. Con il progetto “Surrounded Island” in Florida avevamo bisogno di 650mila metri quadrati di tessuto, che andava cucito perfettamente. Negli Stati Uniti non c’era uno stabilimento in grado di fornirci il prodotto. Abbiamo dovuto creare noi una fabbrica: affittare un grande spazio – un hangar per aeroplani – per i lavori di cucitura e piegatura. Comunque, da una trentina d’anni lavoriamo con un gruppo di amici – professori universitari, ingegneri -, che all’inizio del progetto ci danno il loro input. E’ come costruire un edificio e, per farlo, bisogna operare con imprenditori, appaltatori, sub-appaltatori. Occorrono i permessi e le autorizzazioni. Dobbiamo persuadere le agenzie statali e governative della validità dei nostri progetti.

I nostri lettori si porranno una domanda relativa all’economia. Queste gigantesche installazioni vengono commissionate dagli enti pubblici, da sponsor privati?
Tutti i nostri progetti sono decisi da noi, vengono dal nostro cuore e dalla nostra testa. Non accettiamo commissioni. Vogliamo lavorare in totale libertà; fare ciò che desideriamo, come e quando lo vogliamo. Questo è il motivo per cui rifiutiamo gli sponsor. Abbiamo autofinanziato tutte le nostre opere d’arte. I nostri soldi provengono dai disegni preparatori e dai collage che vendiamo a collezionisti privati, galleristi e musei del mondo intero. Con quello che ricaviamo potremmo comprare palazzi, diamanti, Rolls Royce… Oppure pagare il conto degli ingegneri e, quindi, destinarlo ad un progetto. E’ una scelta. Non abbiamo mai accettato neppure di percepire denaro per libri, cataloghi, film o per l’ingresso ad una mostra.
Qual è stata l’opera che vi ha dato maggiore soddisfazione? E perché?
I nostri progetti sono i nostri figli, le nostre creature. Perciò non possiamo indicare un’opera preferita. Sono tutte diverse: è come avere tanti figli con qualità e problemi differenti. Ma, se proprio dobbiamo esprimere una scelta, allora diciamo che il progetto preferito è… sempre il prossimo, quello che deve ancora nascere.

LA GRAFIA E LA FIRMA DI CHRISTO

christo firma

 

 

QUANTO VALGONO OPERE, DISEGNI, PROGETTI E FOTOGRAFIE DI CHRISTO. QUOTAZIONI SEMPRE AGGIORNATE. CLICCARE SU UN LINK, PIU’ SOTTO, POI SULL’ALTRO PER AVERE IL QUADRO COMPETO


www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=CHRISTO

www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=christo

 

EMPAQUETAGE DEL PARLAMENTO DI BERLINO

 

 

 

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista