Home / Arte Eros / Christophe Vermare, il morbido abbraccio del sole e del mare
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

a nu

Christophe Vermare, il morbido abbraccio del sole e del mare

di EBC

Christophe Vermare è un fotografo francese, classe 1971, cultore del nudo (prevalentemente in bianco e nero), narratore di sensualità e viaggiatore instancabile nel vecchio continente. Lungo il suo curriculum universitario, ha scoperto, attraverso le “teorie della fisica moderna”, alcuni pensieri che si avvicinano ai suoi sentimenti personali. Apprezza la semplice idea che ognuno possa distorcere la realtà attorno a sè e possa influenzare la percezione della realtà degli altri. Questa influenza, sostiene il fotografo, dipende dall’intensità di quanto una persona possa credere e sognare.

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

Christophe è nipote e figlio di una famiglia nudista; la nudità lo circonda da quando lui è giovane. La sua attrazione per i corpi femminili e la conseguente vicinanza ad essi hanno portato l’artista, molto presto, ad indurre visioni. Sempre forti, sfocate per la maggior parte delle volte, queste visioni sono cresciute, nutrite dalla necessità della sua immaginazione, in quanto è più importante credere di aver visto, che “realmente” vedere qualcosa. La frequenza e l’intensità delle sue visions crescono, spinte dalla loro stessa volontà di esistere: “perchè queste forme pesanti, questi riflessi ricci, tutte queste oscillazioni curve inducono i flussi delle emozioni a sommergere la mente?” Anne, sua moglie, non fornisce nessuna risposta, ma ridurrà ad estrema sottigliezza la frontiera tra la percezione e l’immaginazione. Infine l’uso della macchina fotografica trasformerà le visioni in una raccolta di ricerche personali e la sua compagna di vita in musa.

“les Femmes sont belles…” le emozioni sono qui.

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

La figura femminile diviene elemento fondamentale nel bilanciamento dell’immagine, riempie il frame, è un elemento che rende giustizia e completa gli scorci naturali. Christophe Vermare attraverso il suo occhio che diviene obiettivo fotografico, esalta le forme con la pacatezza della luce solare, recupera la luce che disegna il corpo con pannelli riflettenti e congela una posa con la violenza di un flash. Il nudo è delicato e sensuale, le linee del corpo si fondono con l’architettura naturale; una simbiosi perfetta, un matrimonio tra le sue muse e madre terra.

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

© Christophe Vermare

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista