Home / News / Cinquantenario della scomparsa, ingresso gratis al museo Morandi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Cinquantenario della scomparsa, ingresso gratis al museo Morandi

morandiapertura

Oggi, mercoledì 18 giugno, l’Istituzione Bologna Musei ricorda Giorgio Morandi con una serie di iniziative nel giorno in cui ricorre l’anniversario della sua scomparsa, avvenuta nel 1964:

h 12.00 – 18.00 ingresso libero al Museo Morandi
Alle ore 16.00 visita guidata speciale gratuita
 Dalle 10.00 alle 20.00 è inoltre in programma l’apertura straordinaria di Casa Morandi, l‘originale dimora dove il maestro bolognese ha vissuto e lavorato dal 1910 al 1964, in via Fondazza 36, sempre ad ingresso gratuito.  i vasi, le bottiglie, le conchiglie e i modelli di studio hanno ritrovano il loro posto nell’atelier e nel ripostiglio, ricostruiti per apparire così come erano ai tempi in cui viveva l’artista. 
Accanto al mobilio, ai suppellettili di famiglia e a parte della collezione di opere di arte antica appartenuta a Morandi, rivive parte della cospicua donazione che Carlo Zucchini, garante della casa museo, ha generosamente donato alla città.

Nell’atelier un interessante percorso – costruito attraverso un’accurata selezione di fotografie, libri e documenti di vario genere – racconta i principali momenti della vita del maestro, i rapporti con la famiglia, la formazione artistica, e gli incontri con personalità del mondo del cinema e dell’arte.
Installazioni audio-video, una biblioteca con più di 600 volumi – consultabili su prenotazione – e una sala polivalente dedicata a incontri, seminari e attività culturali, contribuiscono ad approfondire e ad attualizzare la figura e l’opera del grande artista bolognese.

Alle 18 la visita guidata speciale gratuita

OMAGGIO A GIORGIO MORANDI
Museo Morandi
Via Don Minzoni, 14
Info: 051 6496611

Casa Morandi
via Fondazza 36
40125 Bologna
Tel 051 300150

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico