Home / News / Cocco, incenso e mirra. Il Magio venuto dal Brasile
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Cocco, incenso e mirra. Il Magio venuto dal Brasile

L’ARTE E L’ESOTICO – Del tutto insolita l’iconografia di questa Adorazione dei Magi di un anonimo portoghese di inizio Cinquecento, conservata al Museo di Viseu. Ai tre personaggi della tradizione l’autore ne affianca un quarto, un indio appunto, che offre a Gesù Bambino pepite d’oro contenute in un guscio di noce di cocco.

Oltre all’immancabile copricapo piumato, il “quarto Magio” esibisce un’arma tribale (una lancia di tipo brasiliano). Posto di fronte al problema della sconvenienza che un uomo si possa presentare seminudo davanti alla Sacra Famiglia, l’ignoto artista lo risolve a modo suo: il nostro indio viene provvisto di abiti di foggia europea, ma con maniche e brache più corte del normale, e senza calze né scarpe.

 

Adorazione dei Magi, anonimo portoghese

Adorazione dei Magi, anonimo portoghese

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il pittore che amava la neve. Il candore nelle opere di Alfons Walde (1891-1958). Video

Erica Chappuis, sesso dionisiaco sulla linea tesa tra gli antichi Greci e Picasso. Le immagini