Home / Corso di pittura on line gratis / Disegnare e dipingere i pesci rossi con effetto tridimensionale. Pensando a Matisse
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Disegnare e dipingere i pesci rossi con effetto tridimensionale. Pensando a Matisse

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Henry Matisse aveva un’autentica passione per i pesci rossi, come per molti altri elementi decorativi. Egli sosteneva che, nel corso dei millenni, l’uomo aveva ideato la decorazione per esprimere la gioia di vivere, utilizzandola come un antidoto contro il pessimismo. Per questo riprendeva elementi antichi dei quali abbiamo perso il significato gioioso, inserendoli nei suoi quadri

Accanto agli arabeschi,  ai disegni dei tappeti orientali, ai disegni delle tende, alle figure che apparivano stampate sui piatti,  il pittore inseriva nelle sue composizione questi splendidi e semplici muti, compagni. Essi aveva la funzione pittorica di accendere il quadro con un punto di emissione rossa e, al tempo stesso, giacché restano magicamente sospesi nella boccia, di conferire all’opera un senso di magica leggerezza, che faceva da contrappunto a donne pesantemente sdraiate. Basta questo episodio per acclarare l’importanza del minuscolo pesce rosso, selezionato da millenni, affinchè desse gioia agli occhi delle donne e degli uomini.

Segui passo per passo questo video, bloccandolo quando ti serve. Imparerai a disegnare uno stupendo pesce rosso, visto dall’alto, che proietta la sua ombra sul fondale. L’effetto prospettico è stupefacente. Un gioco didattico che i genitori possono condividere con i bambini. Un effetto per sorprendere gli amici. E’ inutile dire che, seguendo gli stessi cromatismi, è possibile realizzare questa scarna composizione con acrilici o a olio per ottenere un effetto meno illustrativo e più  pittorico.



 

 

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”. POTRAI RICEVERE COSi’, GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico