Home / Illusioni ottiche nell'arte / Come disegnare un finto e profondo buco su un foglio o sull’asfalto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come disegnare un finto e profondo buco su un foglio o sull’asfalto

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

finto buco

Tra gli effetti illusionistici basilari per le opere di street art vi è un profondo, illusorio buco, dipinto con i gessetti sull’asfalto. Da quella finta cavità profonda, nella quale il pubblico ha l’impressione di poter sprofondare, gli artisti fanno poi emergere personaggi, disegnano instabili ponti o fanno innalzare giganteschi animali.

Il finto buco crea profondità ed è basilare perchè, anche attraverso questo disegno, è possibile disporre di tre livelli d’altezza, che creano l’effetto tridimensionale: il primo livello è reale, quello di “campagna” – meglio sarebbe dire: dell’asfalto o del foglio -; il secondo, in negativo, crea una quota molto bassa, al di sotto del livello dell’asfalto;  il terzo, sempre grazie all’illusione ottica provocata dalla prospettiva, permette di occupare un piano che si colloca sopra il piano reale. L’insieme di questi tre livelli crea l’opera 3d perfetta e fonte di divertenti “miraggi”. Ora puoi partire dallo scavo. Come realizzare, su un foglio, uno spaventoso buco nello stesso nella tavola su sui è appoggiato. Segui questo video, bloccando le immagini per poter copiare la tecnica. L’effetto sorprendente è assicurato

 

 

buco

 

 



// ]]>

 

finto buco 1

 

 

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico