Home / News / Come riciclare lattine o bottiglie di Coca in nome di Warhol. Tanti esempi, tanti video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come riciclare lattine o bottiglie di Coca in nome di Warhol. Tanti esempi, tanti video


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 Il consumismo, come bel rilevò Roland Barthes, ha creato nuove divinità, in una religione politeista basata sulla compensazione materiale rispetto al vuoto che il ridimensionamento delle spiritualità tradizionali ha subìto. Non per nulla film, prodotti o musiche vengono definite cult, cioè di culto, poiché il sentimento religioso si esplicita nei confronti di feticci prodigiosi, in grado di lenire le sofferenze esistenziali o di concedere qualche minuto di gioia. Fu principalmente Andy Warhol a sottolineare, attraverso il ri-editing di oggetti di consumo o immagini di dive o di numi quotidiani come Brillo o la zuppa in scatola Campbells a rendere evidente, portandolo a una nuova dimensione artistica, la dimensione della sacralità di massa, che spostava i centri religiosi – di una religione edonistica – dal vecchio al nuovo mondo. In questo ambito la Coca Cola ebbe – ed ha – una funzione straordinaria.

Sia essa in bottiglia – che ricorda, con il suo seno pieno, la vita stretta e i fianchi espansi, una sinuosa figura femminile – o in lattina, che rinvia, con il suo rosso emanante e gioioso, le carrozzerie di splendide automobili da corsa, la Coca è onorata e cantata come una divinità, allo stesso livello di una diva – e diva significa, ben lo sappiamo, dea – come Marilyn Monroe. La casa produttrice della Coca Cola ebbe l’intuizione, che probabilmente gli industriali italiani non avrebbero mai avuto per i propri prodotti – di lasciare che bottiglia, marchio, immagini, fossero utilizzate liberamente, con la sola salvaguardia della riproducibilità della bibita. Con questi tutorial, tra arte e artigianato, abbiamo di che divertirci, utilizzando quei prodotti poveri, ma diffusi, magari riciclando creativamente lattine e bottigliette. Tutto ciò può essere realizzato, con un’applicazione minima, tra le mura domestiche: dal camion alla lampada. dai quadri composti dai tappi alle performance più ardite per lava e lattina, dalle rielaborazioni figurative alla creazione di bottigliette marmorizzate. Tante idee che possono riprese e trasformate, ricavando nuove forme. TUTORIAL, COME TAGLIARE E SAGOMARE IN CASA LE LATTINE PER OTTENERE UN CAMION COCA-COLA

Lattine di Coca Cola riciclate e trasformate in uno splendido camion

Lattine di Coca Cola riciclate e trasformate in uno splendido camion

Una lampada da tavolo realizzata con una bottiglietta di vetro di Coca Cola

Una lampada da tavolo realizzata con una bottiglietta di vetro di Coca Cola

COME TAGLIARE IN CASA IL FONDO DELLA BOTTIGLIA PER FARE LA LAMPADA COCA-COLA

 

 

LAMPADA DELLA COCA-COLA: UNA VARIANTE



COME GLI ARTISTI POSSONO USARE I TAPPI DELLA COCA

 

 

 

 

TUTTI GLI ARTISTI CHIAMATI A LAVORARE ATTORNO A UN TEMA: LA COCA-COLA

 

 

 

 

LA COCA COLA IN PERFORMANCE DIVORATA DALLA LAVA DEL VULCANO

 

 

PICCOLI TRUCCHI PER STUPIRE E DIVERTIRSI: LA LATTINA BILANCIATA

 

 

LA BOTTIGLIETTA DELLA COCA DIVENTA UNA COLONNA DI MARMO ROSSO

 

 

 

GRATIS: QUANTO VALGONO LE OPERE DI WARHOL CHE RAPPRESENTANO LA COCA COLA? FAI UN VIAGGIO APPASSIONANTE TRA QUOTAZIONI STRATOSFERICHE, CLICCA SUL NOSTRO LINK QUI SOTTO www.stilearte.it/warhol-una-coca-cola-per-60-milioni-di-dollari/

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico