Home / News / Come si produce la vera carta d’arte. Filmato. Anche per provare
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come si produce la vera carta d’arte. Filmato. Anche per provare

 
PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

a carta
Com’è ben noto la tecnologia di fabbricazione della carta da corteccia è di matrice cinese. E da noi questo prezioso materiale giunge dopo il Mille, grazie agli arabi. In Cina essa viene descritta per la prima volta nell’anno 105 dall’ufficiale di corte Cai Lun (o Ts’ai Lun). Nel 1986 a Dunhuang (Gansù), scavi archeologici in una tomba della prima metà del II secolo a.C. portano alla luce un’infinità di carta con tracciata una mappa.La carta è costituita da materie prime prevalentemente vegetali, unite per feltrazione ed essiccate. Inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, minerali, coloranti e diversi additivi. Lo sbiancamento si otteneva con lavaggi e con l’uso di cloro.

L’uso della carta, come dicevamo, fu introdotto in Europa dagli arabi, in Andalusia, a Játiva, intorno al 1150. Ma la Sicilia sotto dominio islamico potrebbe essere stata la prima terra europea in cui fu costruito uno stabilimento per trattare i cascami del cotone con finalità produttive cartarie. Il filmato mostra il metodo tradizionale di produzione dei fogli. E ci rende evidente la laboriosità del processo tradizionale e i costi inizialmente molto elevati di questo prodotto.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista