Home / News / Come vengono falsificati i quadri dell’Ottocento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come vengono falsificati i quadri dell’Ottocento


Uno splendido, autentico quadro della pittura russa di derivazione impressionista

E’ stato un grande scandalo internazionale, una colossale truffa realizzata con opere d’arte contraffatte e vendute ai nuovi “paperoni” russi, desiderosi di decorare le pareti delle loro fantastiche ville. La vicenda potrebbe apparire anche divertente, in quanto la letteratura – pensiamo ai borghesi dei romanzi di Balzac – ha sempre punito idealmente, attraverso la derisione grottesca, la voracità dei nuovi ricchi, alimentata da una spregiudicata speculazione. Quando gli squali aprono la mandibola per sferrare il colpo, restano ciechi, per un istante. Ed è proprio in quel momento di vigilanza limitata – peraltro resa ancor più profonda da un’elevata capacità di spesa degli imprenditori russi – che si sono inseriti i truffatori. Lo scandalo è stato denunciato da un autorevole curatore di un altrettanto autorevole museo, che, sulle prime, era stato egli stesso ingannato dai dipinti al punto d’aver erroneamente – e pertanto in buona fede – avallato l’autenticità delle opere, poiché, evidentemente la contraffazione era avvenuta a un livello tecnico piuttosto elevato. Le indagini fanno pensare all’esistenza di una ramificata rete internazionale di falsari che si approvvigionava sui mercati antiquari di Danimarca, Germania, Svizzera, Svezia, Finlandia, Olanda. Alcuni tecnici venivano incaricati di acquistare dipinti d’epoca, opere di bassa o media qualità per lo più non firmate, con investimenti, per ogni dipinto, che restava entro una fascia compresa tra i mille e i diecimila euro. In diversi casi i quadri presentavano già, sotto il profilo cromatico o compositivo, assonanze con le opere dei più celebrati pittori dell’Ottocento russo.

Dopo l’acquisto, le tele – che costituivano la base su cui lavorare per la creazione del falso – venivano portate in laboratorio dove si apriva la seconda, fondamentale fase: il restyling del dipinto originale, che attraverso ritocchi, adattamenti, pennellate aggiuntive mutava l’aspetto originario, pur senza stravolgerlo, assumendo in questo modo lo stile di un determinato pittore russo, particolarmente richiesto dal mercato. Tramite la “mutazione genetica” di anonimi quadri rastrellati in Europa e debitamente contraffatti era possibile, rispetto al costo dell’acquisto iniziale, giungere a una maggiorazione del prezzo pari a cinquanta-cento volte il valore della tela originale. Al più consueto falso fabbricato ex novo – e pertanto integralmente – attraverso la realizzazione di una copia o l’associazione pittorica di più elementi ricavati da soggetti diversi trattati originariamente dal pittore, subentrano pertanto con maggior frequenza più problematiche manipolazioni. Come per lo scandalo moscovita – ma intendiamoci: tutto il mondo è paese – la contraffazione che risulta meno facilmente rilevabile è proprio prodotta dalla manipolazione di autentici dipinti.

Questa tipologia di opere viene immessa sul mercato principalmente dopo aver sapientemente sostituito la firma con colori e vernici schermate agli ultravioletti – per evitare che la lampada rilevi le ridipinture – e solitamente il tutto viene reso ancor più credibile mediante l’apposizione, al verso del supporto o sul telaio, di seducenti etichette attestanti antiche esposizioni o la provenienza da nobili, titolate collezioni. L’opera viene poi abilmente “vestita” da una sontuosa cornice. Com’è possibile non essere tratti in inganno? Prudenza e professionalità – e forse anche una maggiore disponibilità ad effettuare analisi più approfondite, ma costose – risparmierebbero sgradite sorprese a tutti coloro che nel circuito dell’arte, per professione o per passione, sono divorati dal “sacro fuoco”.

Clicca sul link per aprire il PDF e leggere il testo, con immagini comparative:

[PDF] La vernice magica del tradimento



STILE ARTE 2006

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista