Home / Fotografia / Con le foto i pittori impararono a dipingere cavalli al galoppo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

cavallo galoppoape

Con le foto i pittori impararono a dipingere cavalli al galoppo


Prima dell’avvento della fotografia, il cosiddetto galoppo volante era realizzato dai pittori nello stacco assoluto dei cavalli da terra. Il precedente illustre, in tal senso, è un dipinto di Théodore Géricault eseguito nel 1823. Ma per capire i collegamenti stretti tra pittura e fotografia nella raffigurazione del mondo inteso come istante percettivo vale l’esempio dei cavalli di Degas, che non sono collocati in posizione di stacco assoluto, come voleva la tradizione rappresentativa legata al galoppo sfrenato, ma secondo l’assunzione di un punto di vista realistico. Come dimostrarono le foto, infatti, i cavalli al galoppo non sollevano contemporaneamente tutte e quattro le zampe.

La prova definitiva fu fornita tra il 1872 e il 1877 dalle riprese fotografiche di Muybridge, che mostravano in sequenza l’andatura dei cavalli. Ciò che non era reso percepibile dalla lentezza dell’occhio, diventava evidente nell’istante bloccato dalla macchina fotografica. A questo punto, anche gli artisti si adeguarono alla nuova percezione del mondo intesa come somma di secondi bloccati.

cavallo galoppo

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico