Home / News / Corrado Giaquinto – Quotazioni internazionali, dipinti, video. Accesso libero
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Corrado Giaquinto – Quotazioni internazionali, dipinti, video. Accesso libero

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 
giaquinto
Raffinato artista settecentesco, Corrado Giacquinto, era nato in Puglia e, artisticamente, era cresciuto tra Napoli e la capitale pontificia. Il bel museo diocesano di Molfetta espone soprattutto i dipinti giovanili dell’autore conterraneo.”La Puglia del Settecento, dopo una ricca produzione artistica di secoli parzialmente importata, avrà un suo pittore illustre di fama internazionale: Corrado Giaquinto – scrivo gli storici del museo – Nato a Molfetta nel 1703, Giaquinto entra giovanissimo nella bottega del pittore concittadino Saverio Porta. Intorno al 1721 si colloca il primo soggiorno a Napoli dove rimane per circa sei anni, non senza rientri in patria, durante i quali ha modo di approfondire la conoscenza delle opere dei maggiori maestri di quella scuola: Francesco Solimena e Luca Giordano. Nel 1727 si trasferisce a Roma, centro di maggior prestigio, dove insieme con altri artisti, tra cui Sebastiano Conca, ottiene prestigiosi incarichi nel settore della pittura decorativa. Da Roma si assenta due volte per decorare presso Torino la Villa della Regina (1733, 1739-40). Nel 1753, al culmine della sua fama internazionale, parte per Madrid dove viene nominato “pittore di camera” della corte spagnola e direttore dell’Accademia di S. Fernando. Tornato a Napoli nel 1762, dove svolge la sua ultima attività, muore nel 1766″.

L’itinerario, attraverso le opere pugliesi del Giaquinto, nel Museo diocesano di Molfetta – prende avvio dal piccolo dipinto siglato C.G. raffigurante San Nicola pellegrino patrono di Trani, riferibile alla primissima giovinezza del maestro a cui si affiancano le due Madonnine della chiesa del Purgatorio di Molfetta realizzate, forse, al rientro dall’apprendistato napoletano presso lo studio di Nicola Maria Rossi ove il Giaquinto era stato introdotto da Mons. de Luca.
Alle poche opere che Giaquinto realizzò per la committenza ecclesiastica molfettese, si affiancano le numerose tele in parte esposte in mostra, che il più noto e fecondo degli allievi Nicola Porta (1710-1784) lasciò sia a Molfetta che in Terra di Bari, diffondendo le tipologie iconografiche del maestro e contribuendo alla fortuna del “giaquintismo” per tutto il XVIII secolo.
“Il senso di vivacità cromatica e il repertorio iconografico elaborato dal Giaquinto fanno parte, ancora a cavallo tra Settecento e Ottocento – annotano ancora i curatori del museo di Molfetta –  della cultura degli artisti che operarono in provincia come Vito Calò (1744-1817) e i numerosi ed ignoti esponenti di una nutrita scuola locale ancora poco sensibili alle sollecitudini classiciste che il nuovo secolo veniva proponendo in terra pugliese”.
NEL  VIDEO UN VIAGGIO TRA  LE  OPERE DI CORRADO GIAQUINTO

 

http://www.youtube.com/watch?v=WNYK6vZPUMA

LE QUOTAZIONI E I RISULTATI DI CORRADO GIAQUINTO, DELLA SUA SCUOLA, DEI SUOI SEGUACI. CLICCARE QUI SOTTO

http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?entry=giaquinto&searchtype=p&searchFrom=auctionresults

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista