Home / Arte Eros / Cosa significa Venere Callipigia? E perchè il lato di B di Kim Kardashian è mostruosamente mitico?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Cosa significa Venere Callipigia? E perchè il lato di B di Kim Kardashian è mostruosamente mitico?

Venere Callipigia o Callipige è una statua romana, che oggi è conservata al museo archeologico di Napoli. Essa è rifacimento, in ambito iconografico, della greca Afrodite callipige, che deriva il proprio “aggettivo” alla definizione della meravigliosa parte posteriore del proprio corpo. Fondamentalmente, se dovessimo tradurre in italiano quell’alta locuzione, potremmo farlo affermando: “Venere dal bel sedere”. La proporzione del canone classico assegnava alla donna un posteriore morbido e più sviluppato di quello maschile, senza accettare pero eccedenze. Oggi un’altra callipige cammina per le strade americane. E’ Kim Kardashian, proprietaria del più ingombrante supporto semisferico che la natura possa concedere alle signore. Lei è piuttosto piccola – un metro e 59, misure: 86-66-99 – e ha misure imponenti, soprattutto nella parte inferiore del corpo. Fuori dai canoni classici, Kim ha sfruttato l’eccedenza di madrenatura diventanndo l’attrice con il sedere più guardato della storia. Guardato da chi -magari gli uomini – notano in esso il potenziamento smisurato di un richiamo sessuale o dalle donne che si interrogano sul rapporto, non sempre idilliaco, tra sé e quella parte del corpo. Nella foto anche Venere Callipige guarda. Invidiosa? Spaventata? Per esprimere poi il proprio dissenso?

kim 2

kim 3

kim 4

kim 5

kim 6

 

ACCEDI GRATUITAMENTE, CLICCANDO SUL LINK AZZURRO, ALLA NOSTRA RICCHISSIMA RACCOLTA DI STUDI E SAGGI DEDICATA AD ARTE ED EROS

foto 10

 

 

 

 

 

 

www.stilearte.it/category/arte-eros/

 

L

x

Ti potrebbe interessare

a pene

L’uomo che dipinge quadri con il pene. Sorprendente. Eccolo. Il video

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica