Home / News / Cos’è: un vernissage, una retrospettiva, un’antologica, una personale, una collettiva
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Cos’è: un vernissage, una retrospettiva, un’antologica, una personale, una collettiva


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995
van gogh

Cos’è una retrospettiva? E’ una mostra che, come rivela l’etimologia del termine, “guarda indietro”. Più semplicemente una retrospettiva prende in considerazione le opere di ogni periodo dell’artista, ripercorrendone la storia, negli snodi fondamentali della sua evoluzione, dagli esordi alle ultime realizzazioni, seguendo un percorso cronologico. Con il termine “antologica” o mostra antologica si indica invece, una selezione di alcune opere significative dell’artista, raccolte come in un’antologia scolastica, ma non è indispensabile che la mostra segua tutto il percorso dell’autore sotto il profilo cronologico, come avviene invece nella retrospettiva.In alcuni casi, in modo non corretto, retrospettiva e antologica sono usati, in modo non corretto, in qualità di sinonimi. Con mostra personale si intende invece una mostra dedicata esclusivamente all’artista: normalmente nelle personali l’artista tende a proporre i pezzi più recenti. Una collettiva è invece una mostra che si compone di quadri di più autori. Con vernissage si intende, in maniera impropria la cerimonia di inaugurazione di una mostra.

Vernice o  vernissage. Il sostantivo significa “verniciatura”. Un tempo sui quadri veniva stesa la trasparente vernice finale qualche giorno prima dell’apertura della mostra al pubblico, affinchè i dipinti mostrassero una maggior lucentezza. Alle operazioni di vernissage – in italiano si usa spesso anche il sostantivo “vernice” – erano ammessi, accanto agli organizzatori e agli artisti, alcuni personaggi di spicco o collezionisti. Partecipare a un vernissage significava essere un privilegiato, entrare in un museo o in una galleria osservando la mostra prima dell’apertura ufficiale alpubblico. Per questo il sostantivo assume connotazioni vagamente snob.

Cosa significa che un un dipinto è catalogato? Cosa significa che un’opera è nel catalogo? Per dipinto catalogato si intende che quell’opera è stata mostrata alla fondazione o al museo che si occupa precipuamente di quell’autore ed è stata ritenuta ritenuta autentica dai familiari e dagli esperti del pittore – che confluiscono generalmente in una fondazione o in un’associazione-. La catalogazione consiste inizialmente nell’acquisizione di reperti fotografici ed eventualmente altri dati – note di acquisti, di cessione, di passaggi, scritti nella parte posteriore del quadro – e nella compilazione di una scheda.

Cos’è il catalogo generale?

Può una Fondazione chiedere

la distruzione di un’opera d’arte

che essa ritiene falsa?

I dati relativi all’opera autenticata vengono inseriti nell’archivio della Fondazione, che è una realtà privata,  ed eventualmente pubblicati sul catalogo generale dell’autore, che raccoglie immagini e schede di ogni opera prodotta o attribuita dall’autore. Il catalogo generale non è uno strumento editoriale definitivo, ma un’opera che dovrebbe avere più edizioni – e oggi, con il digitale ciò è possibile – poichè gli studi evolvono; vengono riconosciute come autentiche nuove opere.

Nella storia dell’arte le attribuzioni o le bocciature di proposte attributive non si possono considerare definitive.  Così funziona anche per i musei che si occupano principalmente di un autore – come il Museo Van Gogh-. Poichè la storia dell’arte è sottoposta a periodiche revisioni, anche attraverso la scoperta di documenti, di nuove letture o di tecniche d’analisi nuove, la non accettazione nell’archivio e nel catalogo di un’opera da parte di una fondazione o di un museo non stabilisce per sempre la falsità di un dipinto. Pertanto si dirà che l’opera non è stata catalogata perchè non ritenuta autentica da parte della Fondazione. Ma può essere ritenuta autentica da parte di uno studioso specializzato nell’analisi dell’autore. E’ accaduto recentemente che un Van Gogh bocciato anni fa dal museo omonimo sia stato reputato autentico pochi anni orsono.

Nel caso in cui la Fondazione di un pittore o scultore, nonchè gli eredi del pittore stesso dovessero chiedere la distruzione dell’opera in questione o dovessero chiedere di depositarla presso di loro che provvederanno alla distruzione, opponetevi anche giudizialmente poichè la Fondazione può esprimere un parere molto autorevole, che rimane un parere attributivo, ma non può emettere sentenze assolute, considerato anche il fatto che gli errori attributivi possono essere numerosi e pertanto non può essere prevista  la “pena di morte” per il quadro, che può essere certamente sottoposto a un processo successivo di revisione. Iniziate a segnalare l’indebita richiesta di distruzione alla Soprintendenza dei beni artistici e culturali, competente territorialmente, chiedendo il suo intervento proprio in ragione della possibile distruzione ingiustificata, perchè basata su pareri, per quanto autorevoli. Anche nel caso la Fondazione mandasse i carabinieri o la guardia di finanza – è  capitato – perchè ritiene che il vostro quadro sia falso, chiamate subito un avvocato perchè il sequestro del bene – potenzialmente è un bene culturale – non può essere attuato, a meno che non esistano prove oggettive della sua falsificazione, emerse con la scoperta di un falsario, la sua confessione e l’individuazione, come si diceva, di prove inoppugnabili.

Possedere un quadro ritenuto falso od oggetto di pareri contrastanti non è un reato. Pure in questo caso è necessario resistere perchè non è detto che il quadro sia un falso. E ricordate sempre una cosa. I carabinieri e la polizia non possono essere considerati neutrali rispetto alla materia, ma muovono da un’ipotesi accusatoria, in base a indicazioni della Procura. Le Forze dell’ordine pertanto devono essere accolte e devono attendere l’arrivo del nostro avvocato, poichè esse costituiscono emanazione di una sola parte che apparirà nel processo. Proprio per mettervi a disposizione un eclatante caso da utilizzare nella difesa, alleghiamo il link dedicato al quadro di Van Gogh, per il quale, per fortuna, non fu richiesta la distruzione, ma che fu considerato falso, poi autentico. http://www.stilearte.it/il-laboratorio-dice-si-stessi-pigmenti-questo-e-un-nuovo-van-gogh/

Cosa vuol dire quadro pubblicato nel catalogo. Può significare che il quadro è stato pubblicato nel catalogo generale dell’autore o nel catalogo di una mostra – nel quale appare solo una selezione dei dipinti,rispetto all’Opera omnia dell’autore -. La pubblicazione è sempre un atto importante sotto il profilo del dibattito di autenticità dell’opera. Essa è pertanto stata sottoposta al vaglio, attraverso una mostra, di più studiosi. La pubblicazione nel catalogo generale significa che il dipinto o la scultura figurano in un libro – prodotto da una fondazione, da un museo, o dai principali esperti del maestro – finalizzato a raccogliere tutte le opere che si ritengono autentiche prodotte dal maestro in tutta la sua vita. Ciò non significa che altre possano essere aggiunte con il tempo e altre ancora espunte dal catalogo. La storia dell’arte è una disciplina dinamica.

 


x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico